Bonus terme, fondi già esauriti: cosa possono fare gli esclusi ora

Boom di richieste, sito in tilt e fondi esauriti in un solo giorno: cosa può fare chi non è riuscito a richiedere in tempo il bonus terme?

È bastato un solo giorno – anzi poche ore – per mandare in tilt il sito di Invitalia dedicato al bonus terme: troppe richieste, troppi accessi e, in men che non si dica, non è stato più possibile inviare domanda, né accedere alla piattaforma per inoltrare la richiesta. I fondi, quindi, sono andati esauriti in poco tempo, escludendo tutti gli utenti che non sono riusciti a collegarsi in tempo.

Ma cosa possono fare gli esclusi ora?

Bonus terme, come funziona la prenotazione

Dopo la sospensione delle attività, per il sovraccarico di accessi alla piattaforma padigitale.invitalia.it dedicata alla gestione del bonus, le prenotazioni per il bonus terme sono ripartire alle ore 12:00 di martedì 9 novembre.

La piattaforma era – come noto – destinata esclusivamente agli enti termali (circa 500 in tutto) e quindi, ha spiegato Invitalia in una nota, “progettata e testata su questi numeri considerando anche un numero fino a dieci volte maggiore di utenti concorrenti”.

I cittadini che avrebbero voluto godere del bonus terme, infatti, dovevano fare richiesta rivolgendosi direttamente alle terme accreditate, prenotando il servizio desiderato (utilizzabile entro 60 giorni) senza passare per Invitalia.

Ripristinate comunque le prenotazioni per gli enti accreditati, i fondi a disposizione – ben 53 milioni di euro – sono però andati esauriti in poche ore, registrando il numero di prenotazioni massimo. Non tutti quindi sono riusciti a inoltrare la propria richiesta.

Bonus terme, cosa possono fare gli esclusi

Ad oggi, come riporta il sito di Invitalia, le risorse impiegate per il bonus terme ammontano a 51.940.000,00 euro. I fondi del bonus terme, quindi, sono andati esauriti a seguito del forte interesse dimostrato da parte degli utenti in sole due giornate.

A seguito delle richieste pervenute dagli enti termali, infatti, i soldi messi a disposizione sono stati impiegati tutti. Pertanto il sistema di prenotazione è stato automaticamente chiuso e non è più possibile effettuare nuove prenotazioni.

Di conseguenza, chi è rimasto escluso e non è riuscito a prenotarsi non può fare altro che aspettare un possibile rifinanziamento della misura. Visto il successo e considerato l’entusiasmo con cui è stata accolta l’iniziativa, non è da escludersi infatti un possibile “secondo round”.

Bonus terme, alcune informazioni in più…

Ricordiamo che l’importo massimo del bonus per ogni cittadino è di 200 euro, erogato sotto forma di sconto in fattura:

  • per sapere quali sono gli enti accreditati che hanno aderito nella tua regione clicca qui
  • al seguente link ti spieghiamo come utilizzarlo per più giorni
  • se vuoi richiederlo invece per tutta la famiglia clicca qui).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus terme, fondi già esauriti: cosa possono fare gli esclusi ora