Bonus studenti Inps 2mila euro: destinatari, requisiti e domanda

Chi può richiedere e ottenere il bonus studenti Inps fino a 2mila euro? Facciamo chiarezza

Da giorni si parla ormai del cd. “bonus studenti Inps“, un contributo fino a 2mila euro riconosciuto dall’Istituto per le spese sostenute dagli universitari – in possesso di determinati requisiti – nel biennio 2018/2019. Prima di spiegare come funziona e chi può richiederlo, bisogna chiarire che, come specificato in una nota rilasciata dall’Inps: “si tratta in realtà del bando di concorso ‘Borse di studio per corsi di laurea e corsi universitari di specializzazione post lauream’, riservato ai figli o orfani ed equiparati, dei dipendenti e pensionati iscritti al Fondo Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, al Fondo gestione Assistenza Magistrale e al Fondo ex Ipost”.

Destinatari bonus studenti Inps fino a 2mila euro

Il bando di concorso Inps è riservato ai figli di:

  • iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici;
  • iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale;
  • iscritti al Fondo ex IPOST.

Ai fini del riconoscimento del “bonus”, l’Inps distingue nello specifico tre figure, e cioè:

  • il titolare del diritto, ovvero l’iscritto (dipendente o pensionato) alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, il pensionato utente della Gestione dipendenti pubblici, l’iscritto (dipendente o pensionato) alla Gestione Assistenza
    Magistrale o l’iscritto al Fondo ex Ipost;
  • il beneficiario, che è lo studente maggiorenne destinatario della prestazione, ovvero il figlio o orfano del titolare del diritto o il giovane regolarmente affidato al titolare del diritto nell’anno accademico 2018/2019 e per un periodo non inferiore ai sei mesi.
  • il richiedente, che coincide con il beneficiario della prestazione.

A tal proposito, va ricordato che sono equiparati agli orfani, i figli di titolare riconosciuto permanentemente inabile a qualsiasi attività lavorativa, ovvero orfani dell’altro genitore, ovvero non riconosciuti dall’altro genitore.

Chi può richiedere il bonus studenti Inps, i requisiti richiesti

Per poter essere ammesso al concorso Inps, lo studente deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • età inferiore ai 32 anni alla data di scadenza del bando;
  • non aver già fruito, per l’anno accademico 2018/2019, di altre provvidenze analoghe erogate dall’Istituto, dallo Stato, dagli Enti
    regionali per il diritto allo studio universitario o da altre Istituzioni pubbliche o private di valore superiore al 50 % dell’importo della
    borsa di studio messa a concorso;
  • non essere risultato vincitore del Bando INPS “Collegi Universitari” per l’anno accademico per il quale si concorre.

Gli studenti che concorrono all’assegnazione delle borse di studio, inoltre devono:

  • non essere stati studenti ripetenti o iscritti fuori corso nell’anno accademico per il quale si concorre;
  • aver sostenuto tutti gli esami previsti dal piano degli studi scelto e approvato dall’Ateneo, relativi all’anno accademico per il quale si
    concorre;
  • aver conseguito tutti i crediti previsti dagli ordinamenti dei rispettivi corsi o del proprio piano di studi, in relazione all’anno accademico per il quale si concorre;
  • aver conseguito una media ponderata minima di 24/30 (data dalla somma dei voti di ogni esame, moltiplicata per il numero di CFU “crediti formativi universitari” di ogni esame, divisa per la somma di tutti i CFU conseguiti, escludendo i CFU degli esami senza
    votazione in trentesimi).

La media ponderata minima è riferita a tutti gli esami dell’anno accademico per il quale si concorre, individuati secondo le prescrizioni della Facoltà, purché sostenuti entro l’ultima sessione utile del predetto anno accademico.

Per gli esami sostenuti all’estero o presso i Conservatori, non espressi in trentesimi, gli studenti dovranno obbligatoriamente inserire voti in trentesimi, pena l’esclusione, operando una conversione matematica del voto ottenuto. Il risultato dell’operazione matematica effettuata dovrà essere approssimato per eccesso, se la prima cifra decimale è pari o superiore a 5, per difetto se la prima cifra decimale è inferiore a 5.

Infine, nel caso di conseguimento del diploma di laurea nel medesimo anno accademico per il quale si concorre, aver riportato una votazione non inferiore a 88 su 110 o equivalenti; mentre gli studenti che concorrono all’assegnazione delle borse di studio per corsi universitari di specializzazione post lauream, oltre ai requisiti indicati sopra, devono essere iscritti ad un corso di specializzazione post lauream nell’anno accademico 2018/2019 e aver conseguito un diploma di laurea con votazione non inferiore a 92 su 110.

Bonus studenti Inps, gli importi

Per le spese sostenute in favore dei beneficiari del bonus studenti, l’Inps ha previsto per l’anno accademico 2019-2019 due tipologie di borse di studio, nello specifico sono riconosciute:

  • Borse di studio per corsi universitari di laure dal valore di 2mila euro ciascuna per i corsi universitari di laurea triennale o laurea magistrale o a ciclo unico, di Conservatorio o Istituti Musicali parificati e Accademie di Belle Arti, o corrispondenti a corsi di studio all’estero legalmente riconosciuti;
  • Borse di studio dal valore di 1.000 euro per corsi universitari di specializzazione post lauream.

Il conferimento delle stesse però è escluso nel caso in cui lo studente risulti aver già conseguito un titolo del medesimo livello di quello per il quale concorre.

Bonus studenti, come presentare domanda all’Inps

La procedura per l’acquisizione della domanda sarà attiva dalle 12 del 27 gennaio 2021 fino alle 12 del 1° marzo 2021. Prima di procedere alla compilazione della stessa occorre però essere iscritti nell’opposita banca dati, ossia essere riconosciuti dall’Istituto come “richiedenti” la prestazione. Qualora non risulti l’iscrizione i soggetti interessati dovranno preventivamente rendersi noti all’Inps presentando richiesta.

Il modulo di richiesta di iscrizione in banca dati può essere scaricato direttamente dal sito inps.it, inserendo nel motore di ricerca la parola: “AS150”.

Il documento debitamente compilato deve essere poi presentato dal richiedente alla Sede Provinciale Inps competente per territorio recandosi direttamente presso la Sede Provinciale competente per territorio, oppure si può procedere con invio di una copia digitalizzata a mezzo posta elettronica certificata, all’indirizzo PEC della Sede provinciale INPS competente o a mezzo di posta elettronica, all’indirizzo mail della Sede provinciale Inps competente per territorio. In entrambi i casi bisognerà allegare copia del documento di identità in corso di validità. In alternativa, è possibile inviare tutto tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, allegando anche in questo caso copia del documento di identità in corso di validità.

La domanda invece (non la richiesta di iscrizione alla banca dati) può essere presentata dal richiedente esclusivamente per via telematica, pena il rigetto della stessa.

Per farlo bisogna accedere al sito Inps, inserire nel motore di ricerca “Borse di studio universitarie”, aprire la relativa scheda informativa e cliccare su “Accedi al servizio”. L’accesso all’Area riservata (tramite codice fiscale e PIN, SPID, CIE, CNS) permetterà all’utente di procedere tramite l’opzione “Inserisci domanda”, che lo riporterà al modulo da compilare, in cui dovranno essere inseriti i dati identificativi mancanti (alcuni verranno riportati in automatico dal sistema).

Dopo l’invio telematico della domanda, l’Istituto trasmetterà una ricevuta di conferma all’indirizzo e mail indicato nell’istanza medesima, con numero di protocollo assegnato non modificabile.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus studenti Inps 2mila euro: destinatari, requisiti e domanda