Tassa sulle SIM dei cellulari, M5S e Pd in disaccordo: i punti di scontro

La voce trapelata circa una possibile imposta sulle sim diventa terreno di scontro tra le forze governative

Una possibile tassa sulle SIM telefoniche dei clienti business: è questa la voce trapelata nelle scorse ore dai palazzi governativi. Il tema ha provocato attriti tra M5s e Pd: i pentastellati hanno attaccato i dem che si sono affrettati a smentire che la proposta provenisse dalla loro ala.

In questi giorni si sta lavorando al varo della prossima legge di Bilancio e l’ultima indiscrezione ha raccontato di un eventuale tributo di 13 euro a carico delle schede dei professionisti, piccoli imprenditori e tutti coloro che usano il cellulare per motivi lavorativi. Secondo quanto emerso da fonti di palazzo, conti alla mano, l’imposta sarebbe stata pensata per garantire all’erario statale un gettito fiscale di circa 750 milioni di euro nel prossimo triennio (250 milioni all’anno).

La proposta è stata motivo di scontro nel Governo giallorosso che ha visto i pentastellati commentare con un secco “no” la voce circolata e il Pd mettersi sulla difensiva, smentendo che l’idea di tassare le sim fosse giunta da Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia e delle Finanze.

“Se qualcuno nel Pd sta pensando di tassare le SIM ricaricabili o sottoporre a un ulteriore aggravio la clientela business lo dica chiaramente. Per quanto ci riguarda queste non sono opzioni percorribili o accettabili“, è stato il commento targato M5s. La nota pentastellata, a stretto giro, ha avuto una replica da fonti Dem: “Non è una nostra proposta ed in ogni caso è stata già accantonata“.

Inizialmente, le indiscrezioni hanno narrato di un vertice a quattro tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il sottosegretario alla presidenza Riccardo Fraccaro, la viceministra dell’Economia Laura Castelli e il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Ed è proprio in questa riunione che sarebbe emerso il tema della tassa alle SIM telefoniche.

A mettere sul tavolo la questione sarebbe stato Gualtieri. Tuttavia dal Mef hanno screditato una tale dinamica dei fatti, facendo sapere che il suddetto summit a 4 non ha mai avuto luogo.

Sulla vicenda è intervenuta anche la viceministra in forza al M5s, Laura Castelli: “L’ipotesi di tassare le SIM ricaricabili preoccupa molto sia noi 5 Stelle che le aziende di telecomunicazioni, nonché i consumatori, anche per il grave impatto che avrebbe sullo sviluppo del settore e sul livello occupazionale.” “Anche le proposte alternative di tassare ulteriormente la clientela business – ha proseguito -, da più parti sollevate, trova la nostra ferma contrarietà. Saremo fermi su questo”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tassa sulle SIM dei cellulari, M5S e Pd in disaccordo: i punti di&nbsp...