Stop Riscossione fino al 31 agosto: il nuovo calendario fiscale

Decreto Lavoro: notifiche e pignoramenti da fine agosto, pagamenti entro settembre, rottamazione confermata, condono cartelle in arrivo.

Dal cashback sospeso fino a fine dicembre, alla proroga della sospensione del pagamento delle cartelle fiscali (e dei pignoramenti), ma anche le norme frutto dell’accordo sul nodo licenziamenti e Alitalia. E’ il Lavoro licenziato dal Cdm, che finisce anche per riscrivere il calendario delle rossime scadenze fiscali.

Stop cartelle e differimento Tasi

Nuova proroga per l’invio delle cartelle esattoriali al 30 agosto, dal precedente 30 giugno. Stando alle anticipazioni, riguarderà in sintesi:

  • sospensione invio nuove cartelle esattoriali
  • sospensione termini pagamento delle cartelle già ricevute
  • Blocco provvedimenti di riscossione, come i pignoramenti

Rimborsi dalla PA

Stop fino al 31 agosto anche per le verifiche di inadempienza che le Pubbliche Amministrazioni e le società a prevalente partecipazione pubblica devono effettuare, ai sensi dell’art. 48 bis del DPR 602/1973, prima di disporre pagamenti – a qualunque titolo – di importo superiore a cinquemila euro.

Nuovo calendario

Cambia dunque il calendario delle scadenze:

  • Cartelle esattoriali: stop fino al 31 agosto.
  • Pagamenti cartelle esattoriali già arrivate: riprendono dal 1settembre, tutte le rate non pagate durante il periodo di stop dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 21 vanno saldate entro il 30 settembre 2021.
  • Pignoramenti: stop fino al 31 agosto. Sospesi anche gli effetti dei pignoramenti presso terzi che erano eventualmente già in corso all’8 marzo 2020. Quindi, le somme (ad esempio, trattenute dallo stipendio, o dalla pensione), fino al 31 agosto devono tornare nella disponibilità del debitore. Dal primo settembre 2021 tornano invece ad essere sotto pignoramento.
  • Verifiche PA pre-rimborso: stop fino al 31 agosto.
  • Rottamazione, Saldo e stralcio: le scadenze restano quelle attuali, ossia 31 luglio per le rate del 2020 e 30 novembre per quelle del 2021.

Condono delle cartelle esattoriali: attesa per le regole

In tema di riscossioni si attende il decreto col quale saranno stabiliti i criteri e le date di annullamento delle vecchie cartelle esattoriali. L’entrata in vigore della legge di conversione del primo “Decreto Sostegni” ha fatto partire il conto alla rovescia di 30 giorni a disposizione del Fisco per individuare i parametri da adottare per lo stralcio di tutti i ruoli di importi non superiori a 5mila euro, dal 1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2010.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stop Riscossione fino al 31 agosto: il nuovo calendario fiscale