Stop alla patrimoniale: bocciato l’emendamento per mancanza di coperture

La commissione Bilancio della Camera ha dichiarato inammissibile per mancanza di coperture la patrimoniale voluta da Orfini e Fratoianni.

Stop alla proposta della patrimoniale. La commissione Bilancio della Camera ha dichiarato inammissibile per “per carenza o inidoneità della compensazione”, ovvero per mancanza di copertura, l’emendamento alla manovra presentato da Leu e Pd.

Patrimoniale, cosa propone l’emendamento

L’emendamento chiede l’abolizione dell’Imu e dell’imposta di bollo sui conti correnti e di deposito titoli, per sostituirle con un’aliquota progressiva minima dello 0,2% sui grandi patrimoni la cui base imponibile è costituita da una ricchezza netta superiore a 500mila euro e fino a 1 milione di euro, per arrivare al 2% oltre i 50 milioni di euro.

Per il 2021, invece, la proposta di modifica prevede un’aliquota del 3% per i patrimoni superiori al miliardo di euro.
L’emendamento prevede inoltre, per i patrimoni all’estero “suscettibili di produrre redditi imponibili in Italia”, multe che vanno dal 3% al 15% dell’importo non dichiarato.

Stop alla patrimoniale, le reazioni

“Ci sembra incredibile che un’imposta che garantisce maggior gettito venga respinta con questa motivazione. Per questo faremo ricorso contro questa decisione e ci aspettiamo una spiegazione, numeri alla mano, del perché questo sia accaduto“.

Lo affermano in una dichiarazione congiunta Nicola Fratoianni e Matteo Orfini, primi firmatari dell’emendamento sull’abolizione Imu e dell’imposta sui conti correnti e titoli, e con una tassazione progressiva sui grandi patrimoni, giudicato, appunto, inammissibile dalla commissione Bilancio della Camera.

“Intanto rileviamo con un sorriso – proseguono i due parlamentari della sinistra – che tutti coloro che ci hanno accusato in questi giorni di voler mettere le mani nelle tasche degli italiani dovrebbero chiedere scusa: diventa evidente e chiaro che la nostra proposta restituisce molto proprio a lavoratori e ceto medio.

“Ad ogni modo qualora questa incredibile decisione fosse confermata – concludono – ripresenteremo l’emendamento in Senato tenendo conto delle eventuali obiezioni.”

Circa 2.500 emendamenti bocciati

La proposta emendativa è una delle circa 2500 bocciate dalla Commissione Bilancio tra le 6842 presentate. In particolare la commissione ha ‘stoppato’ circa 1.100 proposte di modifica in ragione della materia trattata e 1.393 per mancanza di copertura.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stop alla patrimoniale: bocciato l’emendamento per mancanza di c...