Scontrino elettronico, cambiano regole e sanzioni: le novità

Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi in Legge di Bilancio 2021: cambiano regole e sanzioni.

Lo scontrino elettronico è stato introdotto in via sperimentale – e su base di adesione volontaria – a partire dal 1 gennaio 2019. Dal 1 luglio 2019, invece, lo scontrino elettronico è diventato obbligatorio per tutte le attività commerciali con un fatturato annuo superiore ai 400 mila euro. L’obbligo di trasmissione telematica era stato infine esteso a tutti a partire dal 1 gennaio 2020.

Sono esonerati dall’emissione dello scontrino telematico (e possono continuare a fare lo scontrino cartaceo) tutte quelle attività che non sono elencate nell’articolo 22 del DPR n. 633/1972. Inoltre, la circolare chiarisce che non sussiste l’obbligo neanche per le attività individuate dall’articolo 2 del Decreto Ministeriale del 10 maggio 2019. Fanno parte di questo elenco:

  • La cessione dei tabacchi e altri beni commercializzati esclusivamente dal monopolio di stato;
  • Carburanti e lubrificanti;
  • Prodotti agricoli commercializzati dai produttori agricoli;
  • Cessione di quotidiani, periodici, supporti integrativi, libri;
  • Somministrazione di alimenti e bevande rese in mense aziendali, interaziendali, scolastiche;
  • Le operazioni relative alle scommesse e concorsi pronostici;
  • Biglietti del trasporto pubblico;
  • Artigiani di vario genere (ciabattini, calzolai, rammendatrici, cardatori di lana e molti altri);
  • Prestazioni rese dalle agenzie di viaggio e turismo;

e molte altre ancora.

La Legge di Bilancio rinvia al 1° luglio 2021 la norma che consente agli esercizi commerciali al dettaglio di assolvere agli obblighi di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri mediante carte di credito o di debito e altre forme di pagamento elettronico che lo permettono, garantendo l’inalterabilità e la sicurezza dei dati.

La Manovra modifica inoltre, con decorrenza dal prossimo 1° gennaio, il regime delle sanzioni in materia di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi.

La memorizzazione dei dati e la consegna su richiesta del cliente della fattura e/o del documento commerciale (ossia il cosiddetto scontrino elettronico) deve avvenire al momento dell’operazione stessa: per omessa, tardiva o infedele memorizzazione e/o trasmissione, scatta una sanzione pari al 90% dell’imposta corrispondente all’importo non memorizzato o trasmesso, per ciascuna operazione, applicabile anche in caso di mancato o irregolare funzionamento degli strumenti utilizzati (applicata una sola volta).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scontrino elettronico, cambiano regole e sanzioni: le novità