Rottamazione cartelle e saldo e stralcio, nuove domande entro 31 luglio

Novità in vista per quanti sono alle prese con qualche "problemino" fiscale, intenzionati a regolarizzare la propria posizione

(Teleborsa) – Interessanti novità in vista per quanti sono alle prese con qualche “problemino” fiscale, intenzionati a regolarizzare la propria posizione. Depositato dalla Lega l’emendamento al Decreto Crescita che riapre i termini della rottamazione ter e del saldo stralcio fino al 31 luglio 2019. Lo ha reso noto il Sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci.

Il debitore di una cartella datata tra il 2000 e il 2017 entro il 31 luglio prossimo potrà presentare all’agente pubblico della riscossione istanza di adesione alla definizione agevolata delle cartelle con il pagamento solo di imposte e contributi senza sanzioni e interessi. Valide anche le domande presentate dopo il 30 aprile 2019 e fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Crescita.

MODALITA’ DI PAGAMENTO – Il versamento – precisa Bitonci – potrà avvenire in un’unica soluzione entro il 30 novembre prossimo o con un versamento dilazionato in 17 rate, la prima delle quali entro il 30 novembre. Per la prima rata sarà dovuto il versamento di almeno il 20% delle somme dovute ai fini dell’adesione alla sanatoria e le restanti nella misura del 10 per cento.

Sempre al 31 luglio è stata fissata la nuova deadline per la presentazione delle domande di adesione al cosiddetto “saldo e stralcio”.

Rottamazione cartelle e saldo e stralcio, nuove domande entro 31 ...