Regime forfettario: cosa cambia dal 2020

Tetto di spesa di 20mila euro per i collaboratori e 30mila euro per il reddito da lavoro dipendente ma niente obbligo di fattura elettronica: il regime forfettario secondo il Ddl Bilancio 2020

Accedono al regime forfettario, con aliquota fiscale al 15%, le Partite IVA che nell’anno precedente hanno fatturato fino a 65mila euro. La manovra 2020 introduce però nuovi paletti all’applicazione del regime, anche se limitati rispetto alle prime anticipazioni. Li ha messi in fila il sito delle piccole-medie imprese pmi.it.

Le due principali novità riguardano il divieto di accedere al regime forfettario a coloro che spendono più di 20mila euro annui per compensi ai collaboratori e per partite IVA che hanno anche un reddito da lavoro dipendente superiore a 30mila euro annui.

La legislazione attualmente in vigore non prevede queste due limitazioni, che quindi di fatto restringono la platea degli aventi diritto al regime forfettario, e di conseguenza alla flat tax Partite IVA al 15%. Nel dettaglio, il tetto di 20mila riguarda collaboratori, lavoratori dipendenti, contratti a progetto, utili da partecipazioni agli associati, spese per prestazioni di lavoro.

Non sono invece state inserite nel ddl di Bilancio le ipotesi di cui si era parlato nelle scorse settimane, sulla modifica al sistema di calcolo dell’imponibile (che resta quindi immutato, basato sui coefficienti relativi alle diverse attività di lavoro autonomo), e non c’è alcun limite di spesa per l’acquisto di beni strumentali (si pensava a reintrodurre il tetto di spesa di 20mila euro già previsto in passato per il regime dei minimi).

C’è poi un’altra modifica, che riguarda la fatturazione elettronica. Come è noto, i contribuenti forfettari non hanno l’obbligo di emettere fattura elettronica: se però hanno un fatturato annuo costituito esclusivamente da fatture elettroniche, viene istituito un regime premiale per cui si accorciano i tempi di accertamento. Il termine di decadenza è ridotto di un anno, quindi passa a quattro anni (dagli attuali cinque).

Non c’è invece il ventilato obbligo di fatturazione elettronica per i forfettari che fatturano più di 30mila euro. Quindi, non è stata inserito un nuovo obbligo, ma una norma che incentiva i forfettari a scegliere la fattura elettronica, pur non essendo obbligati.

Per non trovarsi impreparati il consiglio comunque è di cominciare a prendere confidenza con una piattaforma gestionale come Libero SiFattura Basic ad esempio, facile da utilizzare e che consente di ricevere tutte le fatture indirizzate al proprio codice destinatario, di organizzarle tematicamente, gestire l’anagrafica dei clienti e molto altro ancora. E tutto in maniera gratuita.

Libero SiFattura Basic è il primo dei tre piani della piattaforma gestionale e amministrativa per la fatturazione elettronica di Italiaonline. Nonostante sia completamente gratuito, offre decine di strumenti utili per la gestione del ciclo di fatturazione delle partite IVA a regime dei minimi o regime forfettario.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Regime forfettario: cosa cambia dal 2020