Redditi Irpef, la metà degli italiani dichiara meno di 15mila euro

Solo 4 italiani su cento dichiarano più di 50mila euro. I lavoratori autonomi sono i più "ricchi", la Lombardia è la regione dagli assegni più pesanti

Il 46% dei contribuenti italiani dichiara un redditto sotto i 15.000 euro e paga il 5% dell’Irpef totale. Sono pochissimi, appena il 4% del totale, i contribuenti che dichiarano più di 50.000 euro. E versano il 35% dell’Irpef totale. E’ quanto emerge dalle dichiarazioni dei redditi 2014 diffuse dal Tesoro, anno d’esordio del 730 precompilato. Nella fascia tra i 15mila e i 50mila euro si posiziona il 49% dei contribuenti: sono loro a sostenere il 57% dell’Irpef totale.

Ci sono poi i super-paperoni, quelli con un reddito complessivo maggiore di 300 mila euro che sono anche tenuti al pagamento del contributo di solidarietà del 3% sulla parte di reddito eccedente tale soglia: si tratta di circa 31.700 persone (0,1% del totale contribuenti), per un ammontare complessivo di 276 milioni di euro (circa 9.043 euro in media).

AUMENTA IL REDDITO MEDIO – Il reddito Irpef complessivo totale dichiarato ammonta a circa 817 miliardi di euro per un valore medio di 20.320 euro. Il confronto omogeneo con l’anno precedente mostra un aumento del reddito complessivo totale dichiarato (+0,4%). “Un risultato moderatamente positivo se confrontato all’andamento del Pil nominale, che ha invece registrato un calo”, sottolinea il Tesoro.

DIMINUISCONO I CONTRIBUENTI –  Circa 40,7 milioni di contribuenti hanno assolto direttamente l’obbligo della dichiarazione Irpef. Il numero totale dei contribuenti è risultato in diminuzione (-0,7%) rispetto all’anno precedente

IMPRENDITORI DICHIARANO 18.280 EURO – Nel 2014 il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è stato pari a 18.280 euro. Il Tesoro, nel diffondere i dati, ribadisce che per “imprenditori” nelle dichiarazioni Irpef si intendono i titolari di ditte individuali, “escludendo pertanto chi esercita attività economica in forma societaria; inoltre la definizione di imprenditore non può essere assunta come sinonimo di “datore di lavoro” in quanto la gran parte delle ditte individuali non ha personale alle proprie dipendenze”.

QUANTO DICHIARANO DIEPENDENTI E PENSIONATI – Il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è pari a 20.520 euro, è diminuito dello 0,4%. Quello dei pensionati è sceso a 16.700 euro, in calo dello 0,3%. Infine, il reddito medio da partecipazione in società di persone ed assimilate risulta di 16.040 euro. I lavoratori autonomi hanno il reddito medio più elevato, pari a 35.570.

BONUS 80 EURO – Dalle dichiarazioni 2015 risulta che il numero dei soggetti aventi diritto al bonus è di circa 11,3 milioni, per un ammontare totale di circa 6,1 miliardi di euro e un ammontare medio di 540 euro.

LOMBARDIA HA IL REDDITO PIU’ ALTO – Quanto agli aspetti geografici, la regione con reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia (24.020 euro), seguita dal Lazio (22.500 euro), mentre la Calabria presenta il reddito medio più basso (14.510 euro); nel 2014 il reddito medio nelle regioni del Sud e del Centro è cresciuto meno della media nazionale.

Leggi anche:
Bonus 80 euro, cosa cambia nel 2016
Taglio Irpef: il piano del governo su aliquote e scaglioni
Modello 730 precompilato: cosa cambia nella dichiarazione 2016
CU 2016, la nuova Certificazione Unica dei redditi. Il modello
Modello 730/2016, spese mediche detraibili: quali sono e come si dimostrano
Redditi 2016: ecco quando ariverranno i rimborsi 730
Modello 730/2016: nuovi controlli e rimborsi over 4.000 euro
Detrazioni spese sportive nel 730: requisiti e documenti richiesti
Scuola, ristrutturazioni e lutti: detrazioni più facili nel nuovo 730

Redditi Irpef, la metà degli italiani dichiara meno di 15mila eu...