La vedova Riina si presenta al Fisco per rateizzare 600 euro di tasse

La vedova del capo dei capi, il defunto Totò Riina, si è presentata a sorpresa al Comune e ha annunciato di voler pagare la tassa sui rifiuti. A rate

Corleone è stata per lungo tempo una sorta di zona franca fiscale, dove i mafiosi ed i loro parenti non hanno praticamente mai pagato le tasse. Persino la società incaricata della riscossione era del resto gestita da imprenditori legati alle cosche.

Dopo lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose, però, al municipio sono arrivate tre commissarie. Hanno iniziato a fare tutto quello che mai nessuno aveva fatto. Anche mandare un messo a casa Riina con una cartella esattoriale. Nessuno ha aperto. Le commissarie hanno inviato una diffida: sarebbe entrata presto in azione l’Agenzia delle Entrate, con un pignoramento e un blocco delle autovetture di proprietà dei morosi.

Così agli uffici del fisco corleonese si è presentata Ninetta Bagarella, vedova di Totò Riina, dicendo di voler pagare la tassa sui rifiuti rateizzando i 600 euro di debito (e i 400 della figlia) dopo che la procura di Palermo ha sequestrato a donna Ninetta e famiglia trentotto fra conti correnti bancari e postali. “Pago, ma concedetemi una rateizzazione”. Perché non si dica che la famiglia del capo dei capi è diventata tutto a un tratto benestante.

Leggi anche:
Stop aumento IVA nel DEF. Costerebbe 317 euro a famiglia
Fisco: nuovi controlli sui professionisti nel 2018
Tari 2018: i chiarimenti del Ministero
Fattura elettronica tra privati obbligatoria dal 2019. Ma è già caos
Il Concordato dei piccoli, l’alternativa vantaggiosa alla rottamazione
Irpef, che salasso per gli autonomi! Versano più di dipendenti e pensionati
Detrazione IVA e deducibilità dei costi auto 2018

La vedova Riina si presenta al Fisco per rateizzare 600 euro di t...