ISA 2018: pronti i nuovi indici di affidabilità fiscale

I nuovi ISA, che prendono il posto degli studi di settore, sono contenuti nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 7 maggio

L’Agenzia delle Entrate ha approvato i nuovi indici di affidabilità fiscale applicati dal periodo d’imposta 2018, relativi a 105 attività economiche. I nuovi Isa si sommano ai 69 già approvati a marzo e sono così suddivisi:

  • 2 relativi ad attività economiche del settore dell’agricoltura;
  • 22 relativi ad attività economiche del settore delle manifatture;
  • 44 relativi ad attività economiche del settore dei servizi;
  • 14 relativi ad attività professionali;
  • 23 relativi ad attività economiche del settore del commercio.

Gli ISA sostituiscono gli studi di settore: all’attuale modello, basato su indici di congruità per diverse attività economiche, si preferisce un sistema basato sulla compliance fiscale, che misura l’affidabilità del contribuente e prevede un meccanismo premiale, soprattutto sul fronte dei controlli fiscali.

L’entrata in vigore degli Indici di affidabilità fiscale, originariamente prevista per il 2017, è stata poi posticipata al periodo d’imposta 2018 (che confluisce nella dichiarazione dei redditi 2019) dalla Legge di Stabilità.

Leggi anche:
Studi di settore addio: in Gazzetta Ufficiale i primi ISA
Studi di settore: i più poveri risultano fioristi e barbieri
Studi di settore, addio senza rimpianti? Sì, ma solo se diminuiranno le tasse

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ISA 2018: pronti i nuovi indici di affidabilità fiscale