Imu, in arrivo la scadenza dell’acconto: si paga entro il 16 giugno

Si avvicina la prima scadenza per il pagamento dell’acconto Imu prevista per il prossimo 16 giugno 2021. Chi deve pagare e chi è esonerato

Si avvicina la prima scadenza per il pagamento dell’Imu prevista per il prossimo 16 giugno 2021. Non ci sono rispetto alle normali tempistiche con cui procedere al pagamento, ma la Legge di Bilancio 2021 e il Decreto Sostegni hanno introdotto alcune novità in fatto di esenzioni, ampliando i casi e le categorie per i quali è possibile essere esonerati dal pagamento della prima parte dell’imposta.

Imu 2021, quando si paga

Le due date da segnare sul calendario per il pagamento dell’Imu sono:

  • 16 giugno: scadenza per effettuare il versamento dell’acconto dell’imposta dovuta per l’anno in corso;
  • 16 dicembre: scadenza per il saldo, calcolato in base alle nuove aliquote che verranno pubblicate sul portale del MEF entro il 28 ottobre 2021,  comprensivo di eventuale conguaglio, anche sulla base di quanto stabilito dal Comune in cui è situato l’immobile di riferimento.

Imu 2021, chi deve pagare

Sono tenuti a versare acconto e saldo dell’Imu i soggetti che possiedono:

  • fabbricati, esclusa l’abitazione principale (salvo che si tratti di un’unità abitativa classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9);
  • aree fabbricabili;
  • terreni agricoli.

Nello specifico, devono effettuare il versamento entro la data di scadenza:

  • il proprietario dell’immobile,
  • il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie, il genitore assegnatario della casa familiare a seguito di provvedimento del giudice;
  • il concessionario nel caso di concessione di aree demaniali;
  • il locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria.

L’imposta è dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota e ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso.

Imu 2021, chi non deve pagare: le esenzioni

Ricordiamo che l’Imu non si paga sulla prima casa, l’abitazione principale, a patto che questa non rientri tra le categorie degli immobili di lusso appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, ovvero case signorili, ville e castelli.

Le più recenti misure governative hanno cercato di sostenere le categorie più in difficoltà e maggiormente colpite dagli effetti negativi della pandemia a livello economico. Ecco perché sono esentati dal versamento dell’acconto Imu 2021:

  • stabilimenti balneari e termali;
  • alberghi, pensioni e in generale strutture ricettive del settore turistico (agriturismi, ostelli, b&b, affittacamere, appartamenti vacanze, campeggi, villaggi turistici);
  • tutti gli immobili accatastati nella categoria D/2;
  • strutture espositive per fiere e manifestazioni;
  • sale da ballo, discoteche e night club.

Imu 2021, come pagare

 Per pagare gli importi dell’Imu 2021 si può scegliere tra tre tipologie diverse di pagamento:

 

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Imu, in arrivo la scadenza dell’acconto: si paga entro il 16 giu...