Flat tax, cosa cambia e chi resta fuori nel 2020 

Flat tax, anno nuovo e nuove regole: le novità della Manovra 2020

Stretta del Governo su dipendenti e pensionati con reddito superiore a 30mila euro annui. E’ l’effetto della Manovra 2020 che ha introdotto nuovi paletti per chi intende fruire del regime agevolato.

Si tratta di una platea di circa 500mila soggetti che potrebbero uscire dal regime di forfait. Da ieri, 1° gennaio 2020, un contribuente su 4 deve iniziare a fatturare con IVA e usando la modalità elettronica.

Chi sono gli esclusi. Non tutti potranno fruire del nuovo regime di tassazione agevolato poiché non esiste soltanto il “paletto” dei ricavi, che devono essere inferiori a 65 mila euro annui per poter permanere nella tassazione al 15%. Sono esclusi dall’accesso o alla permanenza nel regime forfetario anche coloro che parallelamente al lavoro da libero professionista abbiano anche redditi derivanti da lavoro dipendente superiori a 30 mila euro l’anno. Inoltre sono esclusi coloro che nell’anno precedente hanno dovuto sostenere spese superiori ai 20mila euro per il lavoro accessorio.

Cosa cambia. Con le nuove norme contenute nel disegno di Legge di Bilancio non cambiano le aliquote dell’imposta, che si confermano al 5% per le nuove attività e al 15% per chi già lavora, così come resta l’esenzione dall’obbligo di applicare IVA sulle fatture. Scattano, invece, nuovi vincoli: in caso di diversi dipendenti l’azienda dovrà applicare il regime ordinario.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Flat tax, cosa cambia e chi resta fuori nel 2020