Fisco: detraibili anche le spese per la mensa scolastica

Mensa scolastica, tasse di iscrizione e di frequenza, attività sportive. Le detrazioni da calcolare nel 730 delle famiglie con figli

Nuove detrazioni per le famiglie con figli in età scolare. Nella dichiarazione dei redditi 2016 sarà infatti possibile detrarre quanto pagato per la mensa scolastica dei figli nella scuola dell’infanzia, nella scuola primaria e nella secondaria.

Lo ha chiarito la circolare numero 3/E del 2 marzo 2016 dell’Agenzia delle Entrate, che ha incluso tra le spese ora detraibili nelle spese di istruzione anche quelle sostenute per la mensa scolastica.
La spesa per la refezione, nei Comuni dove è garantita la mensa  – solo nel 40% degli istituti nazionali, secondo un’indagine condotta da Save The Children – non è di poco conto per chi ha figli in età scolare: la tariffa media italiana, secondo i dati elaborati dalla onlus, è di 5 euro al giorno che, se moltiplicati per i 200 giorni di calendario scolastico raggiunge una spesa di 1000 euro.

Allo stesso modo sono detraibili anche le tasse di iscrizione e di frequenza scolastica non solo per le scuole private e paritarie. Le nuove detrazioni si applicano a partire dall’anno d’imposta 2015 nel limite massimo di spesa di 400 euro per ogni alunno.

Ricordiamo inoltre che chi dichiara i propri redditi servendosi del modello unico o 730, ha la possibilità di detrarre le spese per le attività sportive svolte dai ragazzi. La spesa deve riguardare nello specifico, tutte le forme di attività sportiva svolte presso le associazioni sportive, ossia quelle associazioni la cui denominazione sociale riporta l’acronimo ADS (Associazione Dilettantistica Sociale). Ad essere oggetto di detrazione sono anche le spese sostenute per l’attività sportiva realizzata presso, palestre, piscine e impianti sportivi dilettantistici.
Lo sconto IRPEF previsto ammonta al 19%, e va calcolato sul limite massimo di spesa pari a 210 euro per ogni ragazzo.
La possibilità di poter detrarre le spese per l’attività sportiva sostenute nel corso del 2015, spetta al dichiarante pure nel caso in cui le abbia effettuate per i familiari a carico. Importante poi, tenere in considerazione i requisiti di età e reddituali richiesti per avere diritto all’agevolazione. Nello specifico, è possibile detrarre le spese per lo sport svolto da giovani aventi un’età compresa tra i 5 e i 18 anni.

LEGGI ANCHE

Fisco: detraibili anche le spese per la mensa scolastica