Dl crescita, ecobonus esteso a microcar e moto elettriche

L’ecobonus si allarga alle microcar e alle moto elettriche grazie a un emendamento che verrà presentato dal governo al decreto Crescita

L’ecobonus si allarga alle microcar e alle moto elettriche grazie a un emendamento che verrà presentato dal governo al decreto Crescita all’esame delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera dove, il 28 maggio, inizierà il voto per il passaggio all’Aula nella prima settimana di giugno: entro il 29 giugno deve essere convertito in legge.

COSA CAMBIA – Come riporta Ansa, l’ecoincentivo per l’acquisto di veicoli elettrici viene esteso a tutti i veicoli verdi a due, tre e quattro ruote di categoria L, cioè motorini e moto di ogni cilindrata (è stato rimosso il limite di 11 kW), tricicli e quadricicli. Inoltre, si amplia la platea dei destinatari dell’incentivo esteso anche a chi rottama un qualunque veicolo di categoria L Euro 3 – prima era possibile solo per gli Euro 0, 1 e 2 – e varrà anche se la categoria acquistata è diversa da quella rottamata. L’emendamento prevede anche la rottamazione di questa categoria di veicoli anche senza esserne direttamente proprietari: per usufruirne basta essere un familiare convivente, l’importante è che si possegga il mezzo da almeno 12 mesi.

VEICOLI ELETTRICI PER DISABILI – Sempre nel decreto Crescita potrebbe entrare anche un altro emendamento che istituisce un fondo di due milioni di euro per l’acquisto di veicoli elettrici per disabili. Si potrà usufruirne grazie ad un buono pari al 18% dell’Iva sul prezzo di acquisto, una sorta di Iva agevolata al 4%, che verrà versato dall’Inps all’acquirente dopo le opportune verifiche.

PIATTAFORMA ONLINE – Da aprile è attiva la piattaforma online per richiedere l’Ecobonus per le auto, La prima fase di apertura dello sportello “virtuale” è dedicata alla registrazione dei concessionari, che hanno potuto iscriversi e inserire i propri dati, e solo la seconda fase prevede l’inserimento dell’ordine e la prenotazione dell’incentivo. Dalla prenotazione si avranno fino a 180 giorni di tempo per la consegna del veicolo.

Per assicurare procedure di prenotazione corrette e trasparenti, sul sito sarà presente un contatore di risorse per mostrare in tempo reale i fondi disponibili. Nella fase iniziale, anche per valutare l’andamento dell’incentivo, saranno disponibili 20 milioni di euro per un periodo di 120 giorni. Le risorse residue per l’anno saranno messe a disposizione con successive aperture dello sportello, che avverranno con specifici avvisi del Ministero dello Sviluppo Economico.

Dl crescita, ecobonus esteso a microcar e moto elettriche