Da marzo 2018, stop ai maxi conguagli: è addio alle super bollette di acqua, gas e luce

La norma contro i maxi conguagli è stata approvata: le super bollette di acqua, gas e luce non peseranno più sul contribuente a partire da marzo 2018.

Quando si pensava non ci fossero più speranze, la norma relativa ai maxi conguagli è passata. Approvata dalla Camera, è entrata nella Legge di Bilancio e ha incassato il sì dal governo. La sua partenza, da gennaio, è slittata a marzo. Ma è comunque un successo. Dopo due anni di discussioni, la proposta avanzata da Simone Baldelli – deputato di Forza Italia, e vice presidente della Camera – è finalmente diventata realtà. Nonostante l’unanimità della Camera, infatti, la legge contro i maxi conguagli per le bollette di acqua, gas e luce rischiava di finire nel dimenticatoio, a causa del ritardato via libera da parte del Senato e dall’ormai prossimo scioglimento delle Camere. Tuttavia, il suo promotore non si è arreso: ha ottenuto il sì della Commissione di Bilancio, e – seppure ci sarà un ritardo di tre mesi nella sua entrata in vigore – ha ottenuto ciò che voleva.

Così, da marzo 2018, nessun contribuente riceverà più quelle pesantissime bollette (relative al consumo di acqua, gas e luce) conseguenza dei conguagli sui costi fatturati sulla base di stime relative. A far temere quelle bollette era, fino ad oggi, il periodo anche molto lungo a cui potevano riferirsi: in alcuni casi, si parla di più di cinque anni. Adesso, grazie alla norma approvata, non sarà più possibile includere in quelle bollette conguagli che vadano oltre i due anni di tempo. L’Autorità per l’Energia dovrà stabilire i criteri che gli operatori dovranno seguire, ma le date di partenza sono già state fissate: si comincia a marzo 2018 con lo stop ai maxi conguagli della luce, a gennaio 2019 toccherà al gas e a gennaio 2020 all’acqua. Gli utenti domestici, ma anche le micro-imprese e gli studi professionali, avranno quindi un diritto al corrispettivo che si prescriva in due anni nei contratti di fornitura di queste tre utenze. È un grande sollievo, questo, per i contribuenti. Ed è una vittoria per tutte le associazioni dei consumatori che da tempo chiedono l’approvazione di questa norma. Ma Baldelli non ha intenzione di fermarsi qui: dopo aver promosso la destinazione dei risparmi della Camera nel 2017 alle vittime del terremoto nel Centro Italia, vorrebbe introdurre una norma apposita nel bilancio 2018.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Da marzo 2018, stop ai maxi conguagli: è addio alle super bollette di...