Covid: cancellata seconda rata IMU, altre 18 settimane di cassa integrazione

Verrà cancellata la seconda rata Imu dovuta entro il 16 dicembre" - dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

Dopo un tira e molla durato ore con le Regioni, nella notte tra sabato e domenica il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dunque firmato il nuovo Dpcm che introduce misure anti Covid a partire da lunedì 26 ottobre e fino al 24 novembre.

Il Consiglio dei ministri si riunirà nelle prossime ore per varare un decreto legge che conterrà indennizzi a fondo perduto, la cancellazione della seconda rata Imu, un credito d’imposta sugli affitti.

Il decreto legge darà il via libera a sostegni economici per tutte le aziende colpite dalle limitazioni disposte dal Dpcm. Le misure riguarderanno quindi sia le attività che verranno chiuse fino al 24 novembre, sia quelle che subiranno tagli nell’orario e nei giorni di apertura.

A differenza dei precedenti ristori a fondo perduto riservati alle aziende con ricavi annuali non superiori a cinque milioni di euro, non vi saranno limiti di fatturato. Il nuovo decreto riguarderà dunque ristoranti, bar, pub gelaterie, pasticcerie, cinema, teatri, sale giochi, discoteche, palestre, piscine, centri benessere, impianti sciistici.

Sarà cancellata la seconda rata dell’Imu (quella che si paga entro il 16 dicembre) per le aziende colpite dal Dpcm. Aziende che beneficeranno anche di un ulteriore credito d’imposta sugli affitti, per due o tre mesi. Il Reddito di emergenza verrà prorogato per il mese di novembre.

Ulteriore proroga della cassa integrazione che scade a metà novembre per le aziende che vi hanno fatto ricorso in maniera continuativa. La proroga potrebbe arrivare fino al 31 dicembre o al 31 gennaio. Altre settimane di proroga arriveranno con un successivo decreto. In totale, considerando la legge di Bilancio, si dovrebbe arrivare a un totale di 18, utilizzabili entro la fine di giugno 2021.

“Ci sarà un rifinanziamento complessivo di 18 settimane di Cig” – ha confermato in proposito il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, a Radio InBlu. Sul blocco dei licenziamenti “sicuramente una riflessione la stiamo facendo perchè c’è un aumento dei contagi e alcune attività non stanno riaprendo”, aggiunge.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid: cancellata seconda rata IMU, altre 18 settimane di cassa integr...