Costi auto e moto: pubblicate le tabelle ACI 2020

Sull'ultimo numero della Gazzetta Ufficiale del 2019 sono stati pubblicati i costi chilometrici di oltre 15mila veicoli

Si torna a parlare di costi delle auto aziendali concesse come “fringe benefit” a dipendenti. Solo che, in questo caso, non c’entrano nulla le polemiche delle scorse settimane scaturite dalla volontà del Governo di eliminare le agevolazioni fiscali sui veicoli (sia auto sia motocicli) concessi in uso promiscuo ai lavoratori. E, di conseguenza, aumentare il livello di reddito imponibile dei contribuenti.

L’Agenzia delle Entrate ha infatti pubblicato nel supplemento ordinario n. 47 alla Gazzetta n. 305 di martedì 31 dicembre 2019 le tabelle con i costi chilometrici di auto e moto aziendali 2020 calcolati dall’Automobile Club Italia. I valori riportati nelle varie tabelle possono tornare utili per vari scopi. Alcune aziende e amministrazioni pubbliche, ad esempio, li utilizzano per calcolare il rimborso da dare ai loro dipendenti che utilizzano l’auto privata mentre svolge attività lavorative. Oppure, sono usati per il calcolo del fringe benefit (che si ottiene moltiplicando il valore del costo chilometrico per 15.000) che, per l’appunto, i dipendenti devono riportare in fase di dichiarazione dei redditi.

Il supplemento ordinario curato da Agenzia delle Entrate e ACI si compone di nove differenti tabelle, una per ogni “categoria” di veicolo riconosciuto a livello legale. In totale, sono riportati i valori di oltre 15 mila tra automobili e motocicli di tutti i produttori attivi e non attivi. Nello specifico, le tabelle riportanti i costi chilometrici di esercizio riguardano:

  • autoveicoli a benzina in produzione;
  • autoveicoli a gasolio in produzione;
  • autoveicoli a benzina-gpl e benzina-metano in produzione;
  • autoveicoli elettrici e ibridi in produzione;
  • autoveicoli a benzina fuori produzione;
  • autoveicoli a gasolio fuori produzione;
  • autoveicoli a benzina-gpl e benzina-metano fuori produzione;
  • autoveicoli elettrici e ibridi fuori produzione;
  • motoveicoli.

Inoltre, vista la novità introdotta dal Governo nella legge di bilancio 2020, le tabelle sono praticamente sdoppiate. Nella prima parte del documento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale sono presenti i valori per il fringe benefit validi fino al 30 giugno 2020; nella seconda parte, invece, sono riportate le tabelle con il fringe benefit validi dal 1 luglio 2020 in poi. Le differenze sono sostanziali: quelle valide nei primi sei mesi riportano il solo valore del fringe benfit calcolato sul 30% del totale; quelle valide nella seconda metà dell’anno riporta i valori del fringe benefit calcolato sul 25%, 30%, 40% e 50% del totale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Costi auto e moto: pubblicate le tabelle ACI 2020