La locomotiva Cina zoppica – Giù import ed export, brutto segnale per tutti

Giù import ed export, brutto segnale per tutti

Se il mondo non compra, la fabbrica del mondo finisce nei guai. E in un circolo vizioso, chi la rifornisce ha a sua volta poco da stare allegro.
In soldoni suonano così i dati diffusi dall’ufficio delle dogane cinese, che rivelano un calo delle esportazioni a novembre: -2,2% rispetto all’anno precedente.
Al contempo, si è verificato un vero e proprio crollo delle importazioni: -17.9%.

Questa contrazione parallela e repentina – fino a ottobre l’export continuava a crescere in linea con gli anni precedenti ben oltre il 19% – ha particolarmente spaventato gli analisti: perché?

Negli anni Novanta le esportazioni cinesi aumentavano in media del 12,9% ogni anno, tra il 2000 e il 2006 sono raddoppiate fino a un tasso di incremento del 21.1% annuo.
Contribuiscono al 40% del Pil domestico a fronte del 27% della media mondiale.

Anche la domanda interna è sempre stata trainata dall’export, soprattutto in termini di “processing trade” – “traffico di perfezionamento” – quella pratica cioè per cui la Cina importa materie prime e semilavorati, poi riesporta i prodotti finiti o li commercializza sul nascente mercato di casa.

Oggi la Cina importa anche beni di consumo per il nuovo ceto medio e le voci del “processing trade”, pur importantissime, non sono più le uniche ad alimentare l’import-export: nei primi 3 quadrimestri del 2008 rappresentavano il 40,8% del valore complessivo del commercio contro il 45,4% del 2007. Un dato del tutto in linea con le nuove politiche governative che scoraggiano la manifattura-esportazione di prodotti a basso valore aggiunto, la cui lavorazione richiede alti consumi energetici e grande intensità di lavoro, producendo inquinamento.

Tra importazioni per le manifattura e nuovi consumi, erano in molti a sperare che l’enorme potenziale del mercato cinese fosse la via d’uscita alla crisi. Poco tempo fa Merrill Lynch calcolava che la Cina potesse contribuire al 60% della crescita globale nel corso del 2009.
Ma il tonfo delle importazioni suggerisce che i consumatori del Dragone – più propensi al risparmio che all’indebitamento – non vadano scambiati per i salvatori del pianeta.

A questo punto, i Paesi occidentali vorrebbero che la Cina rilanciasse la propria economia con forti stimoli fiscali per sostenere la domanda interna, facendo felici un po’ tutti e soprattutto loro.
C’è però la possibilità che le autorità di Pechino – che hanno già gettato sul piatto 586 miliardi di dollari per rilanciare consumi e investimenti – procedano a una svalutazione dello yuan, che renderebbe più competitive le proprie esportazioni senza aumentare il potere d’acquisto dei cinesi e, di conseguenza, ampliare la domanda interna.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La locomotiva Cina zoppica – Giù import ed export, brutto segna...