Canone Rai, per l’esenzione c’è tempo fino al 31 gennaio. Come fare

Si avvicina la scadenza di gennaio per l’esenzione dal canone Rai valida per tutto il 2018

Chi non ha una tv ha tempo fino al 31 gennaio 2018 per chiedere l’esenzione dal canone Rai. Come? Inviando l’autocertificazione all’Agenzia delle entrate in modo da essere esonerato dal pagamento del canone relativo a tutto il 2018.

Ricordiamo che la dichiarazione ha validità annuale, quindi chi l’ha già fatta per il 2017 deve rifarla. In generale la dichiarazione sostitutiva di non detenzione va presentata dal 1° luglio dell’anno precedente ed entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento perché abbia effetto a partire dal 1° gennaio.

Chi dovesse mancare la scadenza di gennaio, o rientri nei requisiti richiesti successivamente a tale scadenza, potrà ottenere il riconoscimento del diritto all’esenzione dal canone Rai per il secondo semestre presentando la dichiarazione sostitutiva entro il 30 giugno così da non vedersi più addebitare l’abbonamento dopo giugno (quindi, alla fine pagherà 45 euro).

Ricordiamo che l’importo del canone Rai 2018 è di 90 euro distribuito in 10 rate di pari importo ovvero 9 euro al mese per 10 mesi.

A essere esonerati dal pagamento del canone sono gli over 75 con reddito inferiore ai 6.713 euro, coloro che non possiedono un apparecchio tv, i militari stranieri e i diplomatici.

Leggi anche:
Canone Rai, no all’abolizione: meglio allargare le esenzioni
Canone Rai, nuovo modello per non pagare. Cosa cambia

Canone Rai, per l’esenzione c’è tempo fino al 31 gennaio....