Canone Rai in bolletta, pronto il decreto: nuove esenzioni e rimborsi

Definite le regole operative: nuove esenzioni, niente sospensione luce per chi non paga il canone, rimborsi e casi particolari

I ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Economia stanno ultimando il decreto attuativo del canone Rai in bolletta con le regole operative: nuove esenzioni, niente sospensione luce per chi non paga il canone, rimborsi e casi particolari. Nel decreto è spiegato anche il meccanismo con cui l’Agenzia delle Entrate comunica alle imprese fornitrici di energia chi lo deve pagare, quali sono i criteri per individuare i contribuenti esenti, le modalità con cui evitare più addebiti alla stessa famiglia.

Nessun distacco della luce
Il decreto stabilisce come si dovranno comportare le imprese elettriche, ad esempio a fronte di pagamenti parziali. Nel caso in cui l’utente proceda con il solo pagamento della voce in bolletta relativa alla fornitura elettrica ma non quella sul canone Rai, non rischia la sospensione dell’energia elettrica. L’impresa elettrica non ha nemmeno alcun obbligo di sollecitare il pagamento del canone RAI: le ingiunzioni di pagamento spettano all’Agenzia delle Entrate.

Come evitare addebiti alla stessa famiglia
Vengono inoltre regolamentate una serie di casi abbastanza frequenti, ad esempio quello di famiglie con diversi intestatari del canone Rai e della bolletta elettrica: in questo caso viene fatta una voltura automatica, per cui il titolare della bolletta dell’energia elettrica diventa anche titolare dell’abbonamento alla TV di Stato.

Quanto costa e come si paga
La prima rata del 2016 arriverà in luglio e conterrà anche le somme relative ai sei mesi precedenti, quindi in tutto si pagheranno 70 euro. Poi, si pagano 10 euro al mese fino a ottobre: il totale del Canone RAI 2016, come è noto, è pari a 100 euro. Dal 2017, si pagano 10 euro al mese a partire da gennaio.

Come chiedere il rimborso
Chi non possiede un televisore non paga il canone ma deve effettuare specifica segnalazione all’Agenzia delle Entrate; nel caso in cui non lo faccia e per ipotesi paghi il canone (ad esempio, perché ha la bolletta domiciliata in banca e quindi l’istituto di credito effettua automaticamente il versamento), può chiedere un rimborso, presentando richiesta entro giugno dell’anno successivo. La società elettrica avrà sei mesi di tempo per effettuare il conguaglio. Non è ancora chiaro cosa succede a chi attiva un’utenza della luce nel corso dell’anno.

I comuni dove non si paga
Infine, ci sono una manciata di Comuni che si trovano nelle isole minori, nei quali non arriverà il canone RAI in bolletta agli utenti, perché non sono allacciati alla rete elettrica nazionale: fra gli altri Ustica, Levanzo, Favignana, Lipari, Lampedusa, Linosa, Marettimo, Pantelleria, Stromboli, Panarea, Vulcano, Salina, Alicudi, Filicudi, le Tremiti, Capri, Ventotene, Capraia, Giglio.

Leggi anche: 
Allarme canone Rai in bolletta: “le aziende non sanno come esigerlo”
Canone Rai in bolletta: sarà la residenza a decidere chi paga
Canone Rai in bolletta, il vademecum per non sbagliare
Canone Rai in bolletta: pagare o non pagare? Tutte le risposte
Come pagare la bolletta Enel senza pagare il canone Rai

Canone Rai in bolletta, pronto il decreto: nuove esenzioni e rimb...