Cambia la fattura elettronica: maggior integrazione nel sistema fiscale

L'Agenzia delle Entrate introduce alcune novità nel modello di fattura elettronica: cosa cambia per i contribuenti

La fattura elettronica festeggia il suo compleanno diventando ancora più “smart” ed evoluta. L’annuncio arriva dall’Agenzia delle Entrate che, nel corso del Forum della Fatturazione Elettronica tenuto nella seconda metà di gennaio, ha anticipato le nuove funzionalità che verranno introdotte nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

In particolare, verrà presto distribuita una versione aggiornata del tracciato XML che, oltre a contenere dei correttivi di carattere fiscale (come nuovi codici e l’aumento delle cifre decimali da poter inserire nel campo sconto), fa segnare un decisivo passo in avanti verso la “compilazione automatica” dei moduli per liquidazioni periodiche e annuali, dei Registri IVA e, in un secondo momento, anche della dichiarazione dei redditi. La nuova fattura elettronica, dunque, sarà funzionale alle dichiarazioni precompilate che, come accade già per il 730 o per l’ISEE, consentono ai contribuenti di risparmiare tempo e all’amministrazione fiscale di avere maggiori strumenti per il contrasto dell’evasione fiscale.

Che cos’è il tracciato XML

Il tracciato XML (acronimo che sta per eXtensible Markup Language) è il file su cui si basa l’intera infrastruttura della fattura elettronica. Potremmo definirlo come una sorta di telaio vuoto all’interno del quale inserire tutti i dati necessari per la compilazione del documento fiscale. Il tracciato XML è stato realizzato da Sogei, società informatica di proprietà del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ed è di fatto uno standard.

Indipendentemente dal layout grafico scelto, dunque, tutte le fatture elettroniche inviate (2 miliardi nel primo anno di obbligatorietà) condividono la stessa struttura base. Questo fa sì che il Sistema di Interscambio riesca a gestire grandi flussi di fatture senza grandi problematiche e senza che i server sia oberati di lavoro.

Come cambia la fattura elettronica

Con l’introduzione del nuovo tracciato XML, dunque, la fattura elettronica si muoverà nella direzione di una maggiore integrazione nel sistema fiscale del nostro Paese. E, in questa ottica, assumeranno un’importanza sempre maggiore i software gestionali e amministrativi come Libero SiFattura. Grazie a queste piattaforme sarà possibile gestire non solo il flusso di fatturazione, ma anche ricevere informazioni sulla propria situazione fiscale.

Libero SiFattura, inoltre, mette a disposizione degli strumenti gestionali che consentono di monitorare anche il flusso di cassa e gli insoluti e, in caso di mancati pagamenti, inviare automaticamente solleciti di pagamento.

Fino al 30 settembre 2020 tutti i titolari di Partita IVA possono attivare gratuitamente uno dei piani a pagamento di Libero SiFattura (Lite e Pro). L’iniziativa, parte del progetto “Solidarietà digitale”, consente di avere un anno di abbonamento gratis dal momento dell’attivazione del piano.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cambia la fattura elettronica: maggior integrazione nel sistema fiscal...