Bonus Sud, agevolazioni bloccate: non partono gli sconti per le imprese

Il bonus Sud, ovvero lo sconto del 30% sulla quota a carico del datore di lavoro, rimane per ora ostaggio dei tempi della burocrazia. Manca il via libera di Bruxelles

Salvo interventi last minute, martedì 16 febbraio le imprese del Sud non potranno beneficiare del bonus Sud, ovvero della decontribuzione nei confronti dell’Inps prevista dalla legge di Bilancio. L’Inps ha fatto sapere di essere in attesa dei necessari passaggi con la Commissione Europea, in quanto l’agevolazione si configura come aiuto di Stato e la sua operatività è legata alla normativa europea.
Il bonus Sud, ovvero lo sconto del 30% sulla quota a carico del datore di lavoro, rimane per ora ostaggio dei tempi della burocrazia.

Bonus Sud, cos’è

L’articolo 27 del Decreto Agosto prevede un esonero dal versamento dei contributi pari al 30% dei complessivi contributi previdenziali dovuti dai datori di lavoro privati, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail. La misura è stata prorogata con una progressiva riduzione della percentuale fino al 2029 dalla Legge di Bilancio 2021, e riguarda i rapporti di lavoro subordinato, ad eccezione del settore agricolo e dei contratti di lavoro domestico. Le Regioni interessate alla decontribuzione sono: Abruzzo,
Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia.
Lo sgravio è pari:

  • al 30% dei contributi previdenziali da versare fino al 31 dicembre 2025;
  • al 20% dei contributi previdenziali da versare per gli anni 2026 e 2027;
  • al 10% dei contributi previdenziali da versare per gli anni 2028 e 2029.

Bonus Sud, da parte dell’Inps è tutto pronto

Nei giorni scorsi l’Inps ha diffuso una nota in cui si assicura che, non appena riceverà il nullaosta ministeriale, dopo l’assenso di Bruxelles, verrà attivata “la possibilità per le aziende di accedere alla cosiddetta decontribuzione Sud”. In particolare sono già stati definiti i codici che sono la chiave per lo sconto.

Si rende noto che l’Inps attiverà, appena riceverà il nulla osta ministeriale, la possibilità per le aziende di accedere alla cosiddetta decontribuzione Sud stabilita con la Legge di Bilancio 2021. L’Istituto è in attesa dei necessari passaggi con la Commissione Europea. Si ricorda infatti che per le misure che si configurino come aiuti di Stato è necessario il perfezionarsi dell’iter previsto dalla normativa europea, ed è dunque infondata ogni ipotesi di errori dell’Inps sull’attivazione della misura.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus Sud, agevolazioni bloccate: non partono gli sconti per le impres...