Bonus Renzi da 80 euro anche per le partite Iva

L'ex premier lo ha annunciato da bruno vespa a 'Porta a porta'

Dopo aver calato l’asso fiscale qualche settimana fa, Matteo Renzi rilancia e promette il bonus da 80 euro anche per i lavoratori autonomi possessori di partita Iva.

Per l’erx premier le partite Iva vanno equiparate al lavoro dipendente e la misura dovrebbe avere per tetto 26 mila euro lordi annui. Il segretario Pd ha ribadito che la misura dovrebbe arrivar anche per ogni figlio fino alla maggiore età per un limite massimo di reddito annuo di “120 mila euro”.

“Vogliamo fare un lavoro in più di quello che abbiamo fatto fino a oggi sulle famiglie. In questi anni abbiamo dato la priorità agli imprenditori che assumevano. Ora vogliamo dare gli 80 euro per ogni figlio, ogni mese fino a 18 anni“ ha spiegato il segretario dem. “Per ciascun figlio, non per quello di Marchionne, con 120mila euro di limite, nella nostra proposta c’è una clausola che dice che ciascuna famiglia che ha almeno un figlio ha 80 euro netti mensili di più per ciascun figlio. È la misura più costosa della nostra proposta, vale mezzo punto di Pil, circa 8,5-9mld di euro”.

Leggi anche:
Elezioni e sgravi fiscali: quel “tesoretto” da 142 miliardi nel mirino dei partiti
Renzi cala l’asso fiscale: così cambia il bonus 80 euro
Economia, tasse, lavoro: le proposte dei partiti politici per le elezioni del 4 marzo
Canone Rai, tasse, Fornero: quanto costano davvero le promesse elettorali
Stipendi d’oro per i dipendenti di Camera e Senato: fino a 480mila euro
Flat tax, cos’è e come funziona
Paese che vai, Flat tax che trovi: ma non c’è nessuna prova che funzioni

Bonus Renzi da 80 euro anche per le partite Iva