Bonus energia, verso taglio del 50%. Infissi e domotica a rischio

A rischio taglio del bonus energia sono proprio il settore dei serramenti e la domotica

La bozza di decreto del ministero dello Sviluppo economico che riguarda la riqualificazione energetica è destinata a cambiare i connotati dell’ecobonus e a dimezzare il valore della detrazione, penalizzando in particolare gli infissi e la domotica.

MASSIMALI – Per gli infissi, la bozza di decreto permette una soglia di spesa ammissibile al metro quadro, tutto compreso, di 350 euro per installazioni effettuate nelle zone climatiche A e B e di 450 euro al metro quadro per le zone climatiche restanti C, D, E ed F.
Come riporta Il Sole 24 ore, per l’acquisto e la posa in opera di un prodotto in zona climatica C, ad esempio in Campania, la stima è che serva una cifra che si aggira intorno agli 800 euro al metro quadrato, considerando serramento, installazione, costo di avvolgibile, controtelaio, cassone e assistenza muraria. In zone climatiche mediamente più fredde si sale, fino a sfiorare i mille euro.

Di questo costo sarà possibile recuperare solo una parte piuttosto piccola: 350 euro al metro quadrato appunto. Quindi, un risultato finale di 175 euro di detrazione contro gli attuali 400, in assenza di massimali unitari. Con una perdita secca di oltre il 50% dello sconto fiscale.

Stesso discorso per l’installazione di un sistema di domotica, con il limite massimo di 25 euro al metro quadro, sotto la media di mercato di circa 80 euro.

REGOLE BONIFICO – Per usufruire della detrazione Irpef, il bonifico non dovrà contenere solo la causale del versamento, costituita dalla norma agevolativa (ad esempio, “detrazione del 65%, ai sensi dell’articolo 1, commi 344-347, legge 27 dicembre 2006, n. 296″»), il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico viene effettuato, ma dovrà contenere anche “il numero e la data della fattura” che viene pagata.

Leggi anche:
Bonus verde per terrazze e giardini privati, come funziona
Bonus energia: cosa cambia dal 2018
Ecobonus 2018: online il sito ENEA per invio delle pratiche, ma solo sui lavori di risparmio energetico

 

Bonus energia, verso taglio del 50%. Infissi e domotica a rischio