Bollo auto, carta bianca alle Regioni. Cosa cambia

Le Regioni possono stabilire esenzioni o abolire la tassa, ma non aumentarla oltre i limiti: la sentenza della Corte Costituzionale

Bollo auto: le Regioni hanno facoltà di stabilire a propria discrezione le esenzioni da applicare, senza rispettare i limiti dettati dalle norme statali, purché non vadano oltre il tetto massimo di pressione fiscale. E’ quanto emerge dall’ultima sentenza della Corte Costituzionale in tema di tassa automobilistica (sentenza n. 122/2019), ripresa e pubblicata dal sito delle piccole-medie imprese pmi.it.

Il caso
Il caso sottoposto al giudizio della Corte Costituzionale dalla Commissione tributaria provinciale di Bologna riguardava l’esenzione per i veicoli storici di età compresa tra 20 e 30 anni che la Regione Emilia-Romagna concedeva solo a patto che il mezzo fosse stato iscritto a uno dei registri storici riconosciuti dal Codice della strada.
I giudici hanno ritenuto incostituzionale l’obbligo di iscriversi nei registri, al quale faceva da corredo l’obbligo di versamento della relativa quota associativa, precisando però che l’illegittimità riguarda solo questa parte restrittiva della legge regionale. È invece costituzionalmente legittima la parte della legge regionale che amplia l’esenzione a tutti i veicoli di interesse storico e collezionistico.

Bollo auto: competenza delle Regioni o dello Stato?
L’articolo 8, comma 2, del Dlgs 68/2011 sul federalismo fiscale stabilisce infatti che il bollo auto è demandato alle Regioni entro i limiti massimi di manovrabilità previsti dalla legislazione statale.
I giudici hanno interpretato la norma nel senso che le Regioni non possono spingere la tassazione oltre i massimi previsti dallo Stato ma per il resto hanno carta bianca e possono stabilire esenzioni aggiuntive rispetto a quelle nazionali, teoricamente anche abolendo la tassa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bollo auto, carta bianca alle Regioni. Cosa cambia