Zurich Italia lancia Zurich4Care, nuovo modello assicurativo per la non autosufficienza

(Teleborsa) – Unire il concetto di mutualità e di gruppo d’acquisto per creare un nuovo modello di business assicurativo che renda accessibile al maggior numero di persone una polizza Long Term Care in caso di non autosufficienza.

È l’obiettivo di Zurich4Care, nuova formula di Zurich Italia che vuole dare risposte al problema della non autosufficienza che oggi riguarda circa 4 milioni di italiani e che già ora ha un impatto concreto sulla vita di milioni di persone.

Dal 2005 al 2018 la spesa sanitaria privata è infatti passata da 25 a 40 mld di euro e che il 90% della spesa sanitaria italiana è out of pocket, la percentuale più alta in UE, come indicato nell’ultimo rapporto “State of health in the Eu” della Commissione UE.

Questi numeri si traducono in spese importanti per un nucleo familiare con a carico una persona non autosufficiente: l’assunzione di una badante ha un costo di circa 1.300 euro mensili, mentre per il ricovero in strutture sanitarie la spesa può arrivare fino a 4.000 euro mese, a fronte di prestazioni Inps che in media si aggirano sui 500 euro mensili.

A ciò si aggiunge il fatto che con l’invecchiamento progressivo della popolazione italiana, nell’arco di 10 anni, le persone non autosufficienti arriveranno a 5 milioni: secondo una ricerca SWG per Zurich, l’80% degli intervistati teme di diventare non autosufficiente con la vecchiaia o in casi di invalidità o malattia e il 54% teme di morire prima lasciando familiari in difficoltà.

Di fronte a questi numeri c’è la realtà del mercato assicurativo che a oggi vede solo una parte irrisoria della raccolta premi complessiva dedicata alle soluzioni LTC: nel 2018 sono stati raccolti 140 mln di polizze LTC, dato in crescita nel primo trimestre 2019 a 130 mln di euro, ma su un totale del mercato assicurativo di 153 miliardi di euro.

“La penetrazione delle polizze LTC è molto bassa, ma ha enormi potenzialità”, ha dichiarato Dario Moltrasio, a.d. Zurich Investiment Life in conferenza stampa.

A frenare, rileva Moltrasio, è soprattutto la componente costo di una polizza individuale che si aggira in media intorno ai 700 euro annui, cifra non sempre accessibile a tutte le famiglie. Zurich4Care vuole essere “un messaggio nuovo con un modello di business innovativo per avvicinare le famiglie al tema delle LTC”, ha spiegato l’a.d.

Zurich4Care è una piattaforma per l’acquisto di soluzioni assicurative destinata a gruppi di persone appartenenti a grandi aziende con almeno 1.000 dipendenti o associazioni che, uniti in un “gruppo d”acquisto assicurativo“, hanno la possibilità di beneficiare di condizioni economiche non ottenibili individualmente. All’interno del gruppo i rischi sono preventivamente selezionati (età, sicurezza sul lavoro, controlli sanitari).

La prima soluzione disponibile nella piattaforma Zurich4Care è una copertura LTC (Long Term Care) sottoscrivibile al costo medio di 10 euro al mese – il 90% in meno rispetto alle tradizionali LTC individuali – che garantisce una rendita vitalizia mensile di 1000 euro in caso di sopraggiunta non autosufficienza.

Zurich4care è web based, gestibile cioè in toto online e non prevede alcuna visita medica preventiva. Nel mese pilota sono già 6.000 gli utenti raggiunti dalla piattaforma.

Entro fine 2020, Zurich punta a raggiungere 1 milione di persone con la soluzione LTC di Zurich4care. Potenzialmente, in 3 anni, il numero degli individui coperti con un’assicurazione LTC in Italia potrebbe raddoppiare, grazie a questo nuovo modello assicurativo.

“Con Zurich4Care vogliamo avere un ruolo attivo nell’indirizzare il tema della non autosufficienza attraverso una soluzione innovativa e semplice. Vogliamo dare una risposta concreta ad un problema sociale, lo facciamo con un modello assicurativo mai visto sul mercato che fa della condivisione la sua forza”, ha concluso Moltrasio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Zurich Italia lancia Zurich4Care, nuovo modello assicurativo per la no...