Xilinx paga la bocciatura di JP Morgan

(Teleborsa) – Pessima seduta al Nasdaq per Xilinx, che passa di mano in perdita del 4,44%. A deprimere il titolo la decisione della banca d’affari JP Morgan di tagliare la raccomandazione a underweight da neutral.

Lo scenario tecnico visto ad una settimana del titolo rispetto all’indice Nasdaq 100, evidenzia un rallentamento del trend del produttore di chip americano rispetto all’indice dei titoli tecnologici USA, e ciò rende il titolo potenziale obiettivo di vendita da parte degli investitori.

Il quadro di medio periodo di Xilinx ribadisce l’andamento negativo della curva. Nel breve periodo, invece, si intravede la possibilità di un timido spunto rialzista che incontra la prima area di resistenza a 68,47 dollari USA. Primo supporto individuato a 67,01. La presenza di eventuali spunti positivi propendono per un movimento verso l’alto con target 69,93.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.

(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Xilinx paga la bocciatura di JP Morgan