Whirpool, sale la tensione: lavoratori in protesta

(Teleborsa) – Cresce la tensione sul delicato dossier Whirpool dopo la decisione della multinazionale americana di confermare lo stop allo stabilimento di Napoli lo scorso 31 ottobre.

Decine di lavoratori – dallo scorso primo novembre senza lavoro – hanno prima inscenato l’ennesimo corteo e poi si sono diretti alla Stazione Centrale dove hanno occupato i binari, dopo aver percorso le banchine a ridosso dei treni. Le tute blu hanno attraversato via Argine, dove c’è la sede del sito produttivo, via Taddeo da Tessa e poi sono arrivati in Piazza Garibaldi.

“La lotta delle lavoratrici e dei lavoratori della Whirlpool di Napoli continua e si intensifica. La tensione sta crescendo. E’ necessario che il Governo passi dalle parole ai fatti, dando conseguenza alle dichiarazioni fatte, e costringa Whirlpool a riprendere l’attività produttiva nel sito di via Argine. Se questo non avverrà in tempi brevi, il rischio è che la vertenza possa precipitare in questione di ordine pubblico, di cui non hanno bisogno nè i lavoratori della Whirlpool, nè la città di Napoli”, ha ribadito Rosario Rappa, Segretario generale Fiom-Cgil Napoli durante l’iniziativa di protesta alla stazione ferroviaria di Napoli.

Per Antonio Accurso, Segretario generale Uilm Campania “quanto sta accadendo è inaccettabile l’azione di Governo non può limitarsi ad una telefonata in cui si prende atto che la multinazionale non intende rispettare gli accordi, soprattutto se questo avviene in piena pandemia costringendo i lavoratori di Napoli a protestare in un momento di difficoltà e di precarietà per se stessi e per le persone coinvolte dalle proteste”. Accurso chiede, poi, un sussulto della politica che non si limiti ad osservare lo scorrere del tempo, ma dimostri che in Italia il diritto e l’autorevolezza di un Governo riescono a risolvere anche le questioni più complicate. Napoli non molla. Il Governo cosa intende fare?”.

“Scoppia la rabbia dei lavoratori Whirlpool Napoli. Oggi i lavoratori hanno bloccato il traffico ferroviario della città. Inaccettabili le parole di resa, il Governo deve mettere in campo tutti gli strumenti disponibili dalla legislazione vigente in termini di sostegno alla multinazionale affinchè possa continuare la produzione nel sito di via Argine a Napoli”, afferma il Segretario generale della Fim Cisl Napoli, Biagio Trapani che assicura: “Come sindacato non resteremo a guardare l’ennesimo torto industriale che si consuma ai danni della città e in Italia. E’ inaccettabile dover lottare prima con la politica e poi con la multinazionale. Noi non lasceremo mai soli i lavoratori perchè quello di Napoli è un presidio di legalità e lo difenderemo fino all’ultima goccia di sudore”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Whirpool, sale la tensione: lavoratori in protesta