Whirlpool, definito calendario per mettere a punto piano reindustrializzazione

(Teleborsa) – Mettere a punto un piano di reindustrializzazione con tempi certi per lo stabilimento Whirlpool di Napoli, dove i lavoratori non si rassegnano alla chiusura ed ai licenziamenti. E’ l’epilogo dell’incontro di ieri presso il Ministero dello Sviluppo economico fra azienda e sindacati, sotto la regia del governo.

Le parti hanno deciso di stilare un calendario di quattro incontri (6,8,11 e 14 ottobre) per definire un piano di reindustrializzazione con aziende “quotate” – ha detto il viceministro Alessandra Todde – che hanno già manifestato interesse per il sito. Sarebbero già sette le società che si sono fatte avanti per il sito, dove pesto partiranno i sopralluoghi per valutare lo stato della struttura e dei macchinari. Non sono noti i nomi delle società, ma negli ultimi giorni se ne sono aggiunte altre due, aziende definite “molto importanti e serie”, una operante nell’automotive e l’altra nelle smart city.

E’ al vaglio, fra le altre cose, la partecipazione di Invitalia e del fondo di salvaguardia, creato durante il governo Conte Bis e già intervenuto per risolvere altre situazioni di crisi aziendale.

Dai lavoratori un out-out sui licenziamenti. “Deve essere ben chiaro che non discutiamo se intanto partono le lettere di licenziamento”, – ha affermato il responsabile della Fiom-Cgil di Napoli, chiedendo “parità di trattamento e di assunzioni”.

Frattanto, l’azienda ha confermato che la procedura di licenziamento è stata estesa fino al 15 ottobre, assicurando che il suo obiettivo è “supportare le persone di Napoli e in termini economici e temporali nel processo di transizione”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Whirlpool, definito calendario per mettere a punto piano reindustriali...