Weidmann sostiene i piani della BCE per ridurre i crediti deteriorati

(Teleborsa) – Jens Weidmann, Presidente della Bundesbank sostiene i piani della Banca Centrale Europea (BCE) recentemente annunciati per ridurre i crediti in sofferenza nei bilanci bancari degli istituti di credito dell’area dell’euro. “I crediti deteriorati (NPL ) hanno un impatto negativo sulle condizioni di finanziamento e quindi anche sulle prospettive di crescita negli Stati membri interessati”, ha affermato Weidmann nel corso di un Congresso bancario europeo a Francoforte.

Davanti a circa 300 rappresentanti dell’industria, il presidente della Banca centrale tedesca ha spiegato che oltre a ridurre i loro crediti in sofferenza, sono necessarie regole che garantiscono una gestione prudente di tali prestiti. “Le proposte che la BCE ha recentemente presentato a tale riguardo mi sembrano una buona via da seguire”.

Per quanto riguarda la politica monetaria della BCE, Weidmann ha ribadito che, data la pressione dei prezzi sottotono nell’area dell’euro, una politica monetaria espansiva, attualmente è ancora appropriata. Allo stesso tempo, tuttavia, la ripresa economica è più avanzata rispetto a quanto mostrano attualmente i dati sull’inflazione e le pressioni inflazionistiche interne stanno aumentando gradualmente verso il target fissato dalla BCE prossimo a, ma inferiore, 2%. “Per questo motivo una politica monetaria meno accomodante l’anno prossimo sarebbe, a mio avviso, giustificata”, ha concluso

Weidmann sostiene i piani della BCE per ridurre i crediti deteriorati
Weidmann sostiene i piani della BCE per ridurre i crediti deterio...