Webuild, definite modalità e tempistiche per delisting Astaldi

(Teleborsa) – I consigli di amministrazione di Webuild e Astaldi hanno condiviso l’opportunità di procedere a una scissione parziale proporzionale di Astaldi a favore di Webuild, si legge in una nota, e hanno definito tempistiche e modalità per il processo di integrazione tra le due società, che porterà anche all’abbandono di Piazza Affari da parte di Astaldi, con il closing dell’operazione atteso entro luglio 2021.

Il progetto prevede l’assegnazione in favore di Webuild delle attività destinate alla continuità aziendale, mentre Astaldi manterrà la titolarità delle attività e dei rapporti attivi e passivi confluiti nel patrimonio destinato. Tra le linee guida c’è l’attribuzione ai soci di Astaldi di 203 azioni ordinarie Webuild per ogni 1.000 azioni ordinarie Astaldi da loro possedute.

Webuild e Astaldi confidano che l’integrazione delle attività “genererà rilevanti benefici operativi, economici e finanziari“, derivanti soprattutto dalla gestione integrata dei cantieri in comune, dall’implementazione di una strategia commerciale unica, dalle ottimizzazioni delle strutture centrali e da una gestione integrata di acquisti, asset e capitale circolante. Inoltre, la combinazione permetterà agli azionisti di Astaldi “di avere accesso a una maggiore liquidità dei titoli azionari e di beneficiare della crescita delle attività integrate del gruppo”.

I termini e le condizioni dell’operazione saranno portati all’approvazione dei consigli di Webuild e Astaldi previsti per il prossimo 19 marzo. Alla data di efficacia della scissione, gli azionisti di Astaldi riceveranno azioni ordinarie Webuild di nuova emissione, con annullamento di tutte le azioni ordinarie Astaldi (incluse le azioni possedute da Webuild) e conseguente delisting di Astaldi dal Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana.

Il capitale sociale della società scissa Astaldi sarà azzerato e contestualmente ricostituito con una sottoscrizione di nuovo capitale da parte di una costituenda fondazione, che accompagnerà, in qualità di socio unico della società scissa Astaldi, la gestione e l’ordinata dismissione del patrimonio destinato secondo la proposta concordataria.

La tempistica concordata tra le due società prevede, successivamente all’approvazione da parte dei due CdA del 19 marzo, la convocazione delle assemblee straordinarie per approvare il progetto di scissione rispettivamente in data 29 aprile 2021, quanto ad Astaldi, e in data 30 aprile 2021, quanto a Webuild, con perfezionamento dell’operazione atteso entro luglio 2021.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Webuild, definite modalità e tempistiche per delisting Astaldi