Wall Street torna a galla in attesa del Job Report domani

(Teleborsa) – Wall Street prosegue gli scambi in moderato rialzo, dopo un esordio un po’ stentato, seguito alla pubblicazione di una serie di dati macroeconomici negativi. 

A deprimere il mercato ha contribuito il deludente dato sulla produttività ed il costo del lavoro, che ha segnalato una minore efficienza nell’impiego di lavoro nell’industria. Deludenti anche i sussidi alla disoccupazione ed il rapporto Challenger sui licenziamenti, che hanno controbilanciato il positivo report di ADP sull’occupazione pubblicato la vigilia, in attesa domani del Job Report, il resoconto ufficiale pubblicato dal Dipartimento del lavoro americano. Nel pomeriggio, anche il dato sugli ordinativi all’industria è stato deludente ed ha confermato il momento difficile del settore. 

Il dollaro oggi si è deprezzato molto, spingendo l’euro sugli 1,12 USD, mentre il petrolio  si è sgonfiato e cede ora lo 0,46% a 32 dollari circa.  

Intanto, il Dow Jones recupera lo 0,30% e l’indice S&P-500 guadagna lo 0,08% a 1.908 punti. Piatto il Nasdaq 100 che scambia sulla parità.

Apprezzabile rialzo nell’S&P 500 per i comparti Materiali (+2,37%), Industriali (+1,84%) e Finanziari (+0,58%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Beni di consumo primario (-0,74%), Beni di consumo secondari (-0,67%) e Sanitario (-0,55%).

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Caterpillar (+3,57%), United Technologies (+2,37%), General Electric (+2,37%) e IBM (+1,99%).

Le più forti vendite si sono manifestate su Nike, che cede il 3,44%.

Tonfo di Merck, che mostra una caduta del 2,72%, e Pfizer, che accusa un calo dell’1,69%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street torna a galla in attesa del Job Report domani