Wall Street tonica grazie a trimestrali e debolezza dollaro

(Teleborsa) – Wall Street si conferma positiva a metà seduta, avviandosi a mettere a segno la quarta settimana consecutiva di guadagni.

Ieri il Dow Jones ha collezionato un nuovo record sostenuto, al pari degli altri indici, dall’ottimismo per l’economia globale e dalle notizie positive che stanno giungendo dall’earning seasonstatunitense.

Secondo Thomson Reuters, in questa stagione delle trimestrali le 500 società che compongono l’S&P500 dovrebbero riportare una crescita complessiva degli utili del 12,4%. Delle 88 società che hanno già svelato il bilancio, il 78,4% ha battuto le stime contro il 72% del trimestre precedente.

Di grande aiuto anche l’ulteriore deprezzamento del dollaro,ben visto dal Segretario al Tesoro Mnuchin. Oggi la divisa statunitense ha messo a segno la maggior perdita percentuale degli ultimi sette mesi verso la moneta unica, a sua volta favorita dai toni accomodanti della BCE.
 
Dal fronte macroeconomico, i sussidi alla disoccupazione sono risaliti dai minimi di febbraio del 1973 toccati la scorsa settimana, risultando comunque migliori delle attese degli analisti. Deludenti le vendite di nuove abitazioni mentre il leading indicator ha confermato una crescita economica anche a inizio 2018.

Ora i riflettori si spostano su Donald Trump: il Presidente americano è arrivato al World Economic Forum di Davos, dove si stima porterà avanti il proprio programma “America First”. Il suo intervento è previsto per domani.

In questo momento il Dow Jones avanza dello 0,68%; sulla stessa linea, lo S&P-500 procede a piccoli passi fino a 2.845,19 punti. Poco sopra la parità il Nasdaq 100 (+0,39%), come l’S&P 100 (0,3%).

Al top tra i giganti di Wall Street, 3M (+2,56%) grazie al bilancio migliore delle attese, Boeing (+2,49%), United Technologies (+1,70%) e Johnson & Johnson (+1,53%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Apple, che continua la seduta con -1,08% dopo il taglio del target price da parte di Morgan Stanley.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Netflix (+3,24%), Regeneron Pharmaceuticals (+2,92%), Intuitive Surgical (+2,88%) e Ctrip.Com International (+2,72%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su American Airlines, che ottiene -2,87%.

Seduta drammatica per Lam Research, che crolla del 2,83%.

Sensibili perdite per Broadcom, in calo del 2,57%.

In apnea Xilinx, che arretra del 2,15%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street tonica grazie a trimestrali e debolezza dollaro