Wall Street tonica dopo i dati sul PIL, volumi natalizi

(Teleborsa) – Si confermano positivi gli indici statunitensi, in un clima festivo, e con volumi sottili, complice la seduta ridotta di giovedì e la chiusura di venerdì per Natale.

A dare linfa agli acquisti è la lettura migliore del previsto sul PIL statunitense, del terzo trimestre, che ha rilevato un’economia cresciuta a un ritmo tutto sommato soddisfacente, grazie alla spesa per consumi e per investimenti. 
Secondo quanto rilevato dal Dipartimento del Commercio sull’economia statunitense, il Prodotto interno lordo è cresciuto al ritmo annualizzato del 2%, leggermente inferiore rispetto alla stima diffusa il mese scorso (+2,1%), ma migliore del +1,9% atteso dal consensus.

Hanno deluso invece le vendite di case esistenti, crollate del 10,5% nel mese di novembre, un segnale preoccupante per un settore dell’economia che sembrava aver mostrato una certa stabilità durante l’anno.

Segno più per il listino USA, con il Dow Jones in aumento dello 0,77%; sulla stessa linea, piccolo scatto in avanti per l’indice S&P-500, che arriva a 2.033 punti. Poco sopra la parità il Nasdaq 100 (+0,26%), come l’S&P 100 (0,5%).

Risultato positivo nel paniere S&P 500 per i settori Energia (+1,56%), Materiali (+1,24%) e Industriali (+0,96%).

Al top tra i giganti di Wall Street, Caterpillar (+5,23%), IBM (+1,86%), Wal-Mart (+1,73%) e Nike (+1,37%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su United Health, che ha chiuso a -0,51%.

 In denaro Ford (+3,11%) che secondo Automotive News sarebbe in trattative con Google per collaborare alla costruzione di vetture autoguidate.

Wall Street tonica dopo i dati sul PIL, volumi natalizi