Wall Street si conferma incerta nell’ultima seduta prima dello stop pasquale

(Teleborsa) – Wall Street si conferma negativa, nell’ultima seduta settimanale, dato che domani i mercati mondiali saranno chiusi per il Venerdì Santo.

Il mercato ha risentito dei commenti di Donald Trump riguardo un dollaro “troppo forte” e tassi di interesse che a suo parere dovrebbero rimanere bassi.

Buona reazione al dato sulla fiducia dell’Università del Michigan, migliore delle attese, dopo che il dato dei prezzi alla produzione era risultato peggiore delle attese, e quello sui sussidi alla disoccupazione, migliore delle attese. 

L’attenzione degli operatori è concentrata anche sulle trimestrali delle grandi banche d’affari USA, pubblicate fra ieri ed oggi: i conti di JP Morgan hanno sorpreso in positivo, mentre stanno arrivando numeri positivi anche da Citigroup e Wells Fargo.

Alla Borsa di New York, il Dow Jones che continua la seduta con un leggero calo dello 0,34%, mentre lo S&P-500 ha un andamento depresso e scambia sotto i livelli della vigilia a 2.337,77 punti. Sui livelli della vigilia il Nasdaq 100 (-0,06%).

Nell’S&P 500, non si salva alcun comparto. Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori Energia (-1,31%), Finanziario (-0,78%) e Materiali (-0,70%).

Giornata da dimenticare per tutte le Blue Chip del Dow Jones, che mostrano una performance negativa.

La peggiore performance è quella di Chevron, che scivola del 2,01%.

Spicca la prestazione negativa di Caterpillar, che scende dell’1,30%.

Du Pont de Nemours scende dell’1,10%.

Calo deciso per Exxon Mobil, che segna un -1,08%.

Fra le grandi banche d’affari alle prese con le trimestrali, si sgonfia JP Morgan (-0,57%) dopo i risultati, in linea con Citigroup (-0,67%), che ha annunciato una crescita degli utili, mentre è pesante Wells Fargo (-2,38%), che ha deluso le attese. 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street si conferma incerta nell’ultima seduta prima dello s...