Wall Street ritraccia dai record

(Teleborsa) – Wall Street si arrende alle vendite dopo aver inanellato una lunga serie di record. 

Ieri il Dow Jones è balzato di 140 punti mettendo a segno la settantesima chiusura record da inizio anno. E anche questo è un record: nel 1995 aveva chiuso sui massimi di sempre in 69 sessioni di borsa.

Il sentiment sottostante resta comunque positivo grazie alle attese per il via libera entro la fine dell’anno alla riforma fiscale voluta da Donald Trump.

A meno di sorprese dell’ultimo minuto oggi la legge che taglia le tasse alle società dal 35% al 20% dovrebbe ricevere il placet definitivo del Congresso ed entrare in vigore già a partire dal 2018.

Buone nuove sono giunte anche dalla macroeconomia: i numeri sull’avvio di cantieri edilizi e nuovi permessi per costruire sono risultati migliori delle attese mentre il deficit delle partite correnti è risultato meno ampio del previsto.

Ora il Dow Jones lima lo 0,20%, mentre l’S&P-500 resta inchiodato sui livelli della vigilia a 2.687,07 punti. In lieve ribasso il Nasdaq 100 (-0,52%) e l’S&P 100 (-0,19%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, Home Depot (+0,89%), Coca Cola (+0,82%), Wal-Mart (+0,73%) e Walt Disney (+0,70%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Goldman Sachs, che ottiene -1,28%.

Seduta negativa per Apple, che mostra una perdita dell’1,14% a causa di un downgrade.

Piccola perdita per Microsoft, che arretra dello 0,9%.

Tentenna General Electric, che cede lo 0,76%.

Tra i best performers del Nasdaq 100, Liberty Interactive (+3,23%), Jd.Com (+3,01%), Henry Schein (+2,99%) e Ulta Beauty (+2,74%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Netflix, che ottiene -1,76%.

Sotto pressione Liberty Global, che accusa un calo dell’1,62%.

Scivola Activision Blizzard, con un netto svantaggio dell’1,46%.

In rosso Costco Wholesale, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,44%.

Wall Street ritraccia dai record