Wall Street ripiega dai nuovi record

(Teleborsa) – Scambi poco mossi a Wall Street con gli indici che si portano sotto la parità dopo un avvio positivo e sui nuovi massimi storici, sostenuto dal rafforzamento dei prezzi del petrolio e dal buon dato sull’occupazione statunitense. 

Gli investitori ora puntano su un rialzo dei tassi USA da parte della Federal Reserve, entro fine anno. Le quotazioni di greggio sono sostenute dalle attese di un incontro “non ufficiale” dei membri OPEC, il prossimo mese, ad Algeri, volto al congelamento della produzione di oro nero. Il WTI scambia a 43,09 dollari al barile (+3,09%).

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones si attesta sui valori della vigilia a 18.518 punti; sulla stessa linea, resta piatto l’indice S&P-500, con le quotazioni che si posizionano a 2.180 punti. In frazionale calo il Nasdaq 100 (-0,25%); senza direzione lo S&P 100 (-0,2%).

Nell’S&P 500, buona la performance del comparto Energia. Il settore Sanitario, con il suo -1%, si attesta come peggiore del mercato.

Tra i protagonisti del Dow Jones, Exxon Mobil (+1,07%), Caterpillar (+0,86%), Chevron (+0,82%) e American Express (+0,80%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Merck, che prosegue le contrattazioni a -1,93%. Sotto pressione Pfizer, con un forte ribasso dell’1,48%. Discesa modesta per McDonald’s, che cede un piccolo -0,8%. Pensosa Wal-Mart, con un calo frazionale dello 0,77%: il colosso americano della grande distribuzione ha comprato il retailer online Jet.com per 3 miliardi di dollari, in contanti.

Stabili le azioni Delta Airlines che oggi ha dovuto cancellare i voli su tutti gli scali internazionali per un black-out informatico.

Wall Street ripiega dai nuovi record