Wall Street riparte in netto calo

(Teleborsa) – Wall Street riavvia le contrattazione in pesante ribasso, a dispetto del continui interventi di governi e banche centrali, per sanare la piaga del coronavirus, che rischia di mandare in una profonda recessione l’economia mondiale. Il sentimenti di mercato è ancora nero ed un pool di dati macroeconomici negativi – dal Philly Fed alle richieste di disoccupazione – ha contribuito a deprimerlo.

A new York, l’indice Dow Jones sta lasciando sul terreno il 2,89%; profondo rosso per lo S&P-500, che retrocede a 2.334,8 punti, in netto calo del 2,64%. In discesa il Nasdaq 100 (-1,14%), come l’S&P 100 (-2,1%).

Nell’S&P 500, non si salva alcun comparto. Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori finanziario (-5,14%), beni industriali (-4,36%) e utilities (-4,19%).

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Wal-Mart (+3,58%), Walgreens Boots Alliance (+2,58%) e Microsoft (+0,56%).

Giù Boeing, che scivola del 7,63% scontando in prima linea la profonda crisi del settore aereo.

In caduta libera Home Depot, che affonda del 7,51%.

Pesante JP Morgan, che segna una discesa di ben -6,63 punti percentuali.

Seduta drammatica per United Technologies, che crolla del 6,42%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Moderna (+9,59%). Dal lato opposto fugura American Airlines, che avvia le contrattazioni con un -12,19%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street riparte in netto calo