Wall Street riflessiva. C’è attesa per la Fed

(Teleborsa) – Poco mossa la borsa americana, con gli investitori in attesa della riunione della Federal Reserve, che dovrebbe lasciare invariato il costo del denaro. I riflettori si accenderanno sui commenti relativi all’andamento dell’economia a stelle e strisce.

Nel frattempo in Giappone la Banca centrale ha disilluso le attese per una politica monetaria ulteriormente espansiva. L’istituto guidato da Haruhiko Kuroda ha lasciato invariati i tassi sui depositi a -0,1% e il piano di acquisto asset da 80 mila miliardi di yen.

Giovedì scorso, invece, la BCE ha varato un ventaglio di misure per sostenere l’economia della zona euro.

Grande attenzione ai dati macro USA, specialmente alle vendite al dettaglio e all’indice manifatturiero Empire State della Fed di New York, con le prime in flessione più del previsto mentre il secondo è tornato positivo per la prima volta da luglio dello scorso anno. Diffuse anche le scorte e vendite all’industria e l’indice NAHB.

Sostanzialmente stabile Wall Street, che continua la sessione sui livelli della vigilia. Il Dow Jones scambia a 17.219 punti, mentre, l’indice S&P-500 retrocede a 2.013 punti. Poco mosso il Nasdaq 100 (-0,06%), come l’S&P 100 (-0,2%).

Risultato negativo a Wall Street per tutti i settori dell’S&P 500. Nella parte bassa della classifica del paniere, sensibili ribassi su Sanitario (-1,43%), Materiali (-1,09%) e Energia (-1,03%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, Apple (+1,98%), Travelers Company (+1,00%), Wal-Mart (+0,94%) e Nike (+0,82%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Pfizer, che scivola dell’1,87%.

Calo deciso per Goldman Sachs, che segna un -1,12%.

Sotto pressione Walt Disney, con un forte ribasso dell’1,11%.

Soffre American Express, che evidenzia una perdita dell’1,06%.

Sul listino completo in crisi Valeant Pharmaceuticals -47,31%, su un possibile default.

Wall Street riflessiva. C’è attesa per la Fed