Wall Street resta al palo dopo la Fed

(Teleborsa) – Wall Street appare incerta dopo la decisione scontata della Fed di tagliare i tassi di interesse di un quarto di punto. A New York, il Dow Jones si attesta a 27.165,22 punti; incolore lo S&P-500, che continua la seduta a 3.010,29 punti, sui livelli della vigilia. Senza direzione il Nasdaq 100 (-0,03%).

Risultato negativo a Wall Street per tutti i settori dell’S&P 500. Nel listino, i settori beni di consumo per l’ufficio (-1,35%) e materiali (-0,57%) sono tra i più venduti.

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Apple (+3,97%), Merck & Co (+0,78%) e Pfizer (+0,62%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Coca Cola, che prosegue le contrattazioni a -1,75%.

Soffre Verizon Communication, che evidenzia una perdita dell’1,57%.

Preda dei venditori Procter & Gamble, con un decremento dell’1,27%.

Si concentrano le vendite su Microsoft, che soffre un calo dell’1,16%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Amgen (+4,96%), Electronic Arts (+4,17%), Align Technology (+4,03%) e Apple (+3,97%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Advanced Micro Devices, che continua la seduta con -8,62%.

Sessione nera per Maxim, che lascia sul tappeto una perdita del 4,77%.

In caduta libera Micron Technology, che affonda del 3,56%.

Pesante Wynn Resorts, che segna una discesa di ben -3,43 punti percentuali.

Wall Street resta al palo dopo la Fed