Wall Street resta al palo

(Teleborsa) – Sosta intorno alla parità la Borsa di New York, con il Dow Jones che si attesta a 24.260,89 punti; sulla stessa linea, incolore lo S&P-500, che continua la seduta a 2.640,15 punti, sui livelli della vigilia. Poco sopra la parità il Nasdaq 100 (+0,51%); senza direzione lo S&P 100 (+0,11%).

La piazza di Wall Street prende una pausa dopo la corsa della vigilia innescata dal via libera alla riforma fiscale di Trump. Dopo l’ok del Senato nel fine settimana, le discussioni tra le due camere per l’approvazione definitiva dei tagli fiscali dovrebbero iniziare la prossima settimana.

Dal fronte macro, è stato pubblicato il dato sulla bilancia commerciale, e l’ISM non manifatturiero.

In luce sul listino nordamericano S&P 500 il comparto Information Technology. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti Utilities (-1,22%) e Telecomunicazioni (-1,13%).

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, McDonald’s (+1,55%), Visa (+1,28%), Microsoft (+1,01%) e United Technologies (+0,83%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Walt Disney, che continua la seduta con -2,39%.

Sensibili perdite per Intel, in calo del 2,34%.

Scivola Pfizer, con un netto svantaggio dell’1,18%.

In evidenza Home Depot, che mostra un fortissimo incremento del 2,44%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Micron Technology (+3,58%), Ebay (+3,53%), Electronic Arts (+3,47%) e Activision Blizzard (+2,58%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Discovery Communications, che prosegue le contrattazioni a -4,03%.

In apnea Discovery Communications, che arretra del 3,53%.

Tonfo di Netease, che mostra una caduta del 3,10%.

Lettera su Intel, che registra un importante calo del 2,34%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street resta al palo