Wall Street resta al palo

(Teleborsa) – Prosegue con passo debole la borsa di Wall Street con gli investitori concentrati sulla ripresa dei negoziati commerciali tra USA e Cinamentre sullo sfondo restano le incertezze legate al vertice fra il presidente USA, Donald Trump e il leader nordcoreano. 

L’agenda macroeconomica odierna non prevede la diffusione di dati congiunturali rilevanti, mentre sul fronte dei risultati societari sono attesi quelli di Campbell Soup. Il costruttore statunitense di macchine agricole, Deere, ha già annunciato i conti del secondo trimestre fiscale, giudicati dagli analisti deludenti.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones si attesta a 24.730,88 punti; sulla stessa linea, incolore lo S&P-500, che continua la seduta a 2.715,78 punti, sui livelli della vigilia. In lieve ribasso il Nasdaq 100 (-0,25%), come l’S&P 100 (-0,2%).

Apprezzabile rialzo nell’S&P 500 per il comparto Industriale. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti Finanziario (-0,76%), Beni di consumo primario (-0,75%) e Energia (-0,61%).

Al top tra i giganti di Wall Street, Boeing (+2,17%), Caterpillar (+1,21%), Home Depot (+1,11%) e Microsoft (+0,53%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Intel, che continua la seduta con -1,73%. Seduta negativa per JP Morgan, che mostra una perdita dell’1,71%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Idexx Laboratories (+2,78%), Paypal Holdings (+2,60%), Monster Beverage (+2,08%) e Cerner (+1,73%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Applied Materials, che ottiene -9,13%.

Affonda Baidu, con un ribasso del 7,74% dopo l’uscita del CEO.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street resta al palo