Wall Street positiva. Effetto Powell

(Teleborsa) – Partenza positiva per la borsa di Wall Street dopo l’audizione del Presidente della Fed Jerome Powell davanti alla Camera che ha riferito come molti banchieri centrali ritengano che “si siano rafforzati i motivi che favoriscono un abbassamento del tassi, a causa delle forze che agiscono controcorrente nell’economia”.

Ricca l’agenda di dati macroeconomici:
nel pomeriggio sono attese le statistiche sulle vendite e scorte all’ingrosso, e gli stock settimanali di petrolio. Già sono stati pubblicati i numeri sulla richiesta di mutui che hanno evidenziato un calo nell’ultima settimana conclusasi il 5 luglio.

Sulle prime rilevazioni, il Dow Jones sale dello 0,52% a 26.923,41 punti, invertendo la tendenza rispetto alla serie di tre ribassi consecutivi, cominciata venerdì scorso; sulla stessa linea, lo S&P-500 procede a piccoli passi, avanzando a 2.996,34 punti. In rialzo il Nasdaq 100 (+0,93%), come l’S&P 100 (0,6%).

In luce sul listino nordamericano S&P 500 i comparti telecomunicazioni (+1,06%), energia (+0,95%) e informatica (+0,94%).

Al top tra i giganti di Wall Street, American Express (+1,44%), Cisco Systems (+1,15%), Chevron (+1,14%) e United Technologies (+1,04%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Home Depot, che ottiene -0,76%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Align Technology (+4,04%), T-Mobile Us (+3,68%), Micron Technology (+3,41%) e Western Digital (+3,07%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Mylan, che ottiene -4,61%.

Sostanzialmente debole Biogen, che registra una flessione dello 0,56%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street positiva. Effetto Powell