Wall Street passa in positivo

(Teleborsa) – Inverte rotta e passa in positivo la borsa di Wall Street dopo aver reagito nervosamente in avvio di contrattazioni al dato sull’inflazione statunitense, che ha mostrato una salita oltre attese. Statistica che ha rinforzato le aspettative di interventi di politica monetaria più aggressivi di quanto previsto finora, da parte della Federal Reserve.

Per contro, le vendite al dettaglio hanno subito una battuta d’arresto a dicembre, inaspettata. Vale la pena, attendere i dati domani sui prezzi alla produzione e quelli di fine mese sull’occupazione per avere un quadro più dettagliato. 

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones sale dello 0,24% a 24.699,44 punti; sulla stessa linea, lo S&P-500 procede a piccoli passi, avanzando a 2.673,22 punti. Buona la prestazione del Nasdaq 100 (+0,77%), come l’S&P 100 (0,3%).

Reazione immediata sul mercato obbligazionario e sul mercato Forex: il rendimento del Treasury decennale si è riportato in area 2,88% mentre il dollaro ha recuperato terreno sull’euro, con il cambio eur/usd sceso sotto quota 1,23 dollari.

Risultato positivo nel paniere S&P 500 per i settori Beni di consumo secondari (+0,69%), Finanziario (+0,67%) e Information Technology (+0,61%). Tra i peggiori della lista dell’S&P 500, in maggior calo i comparti Utilities (-0,76%) e Telecomunicazioni (-0,48%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, Cisco Systems (+1,25%), Goldman Sachs (+1,23%), General Electric (+1,20%) e Boeing (+1,10%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Exxon Mobil, che continua la seduta con -0,93%.

Tra i best performers del Nasdaq 100, Baidu (+5,23%), Jd.Com (+4,53%), Netflix (+3,78%) e Lam Research (+3,35%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Regeneron Pharmaceuticals, che ottiene -2,88%.

Wall Street passa in positivo