Wall Street parte ingessata dopo i dati sull’inflazione

(Teleborsa) – Wall Street avvia le contrattazioni sottotono, confermando una certa incertezza, in vista dell’appuntamento con il FOMC.

Stasera la Fed annuncerà le decisioni di politica monetaria, ma stando agli ultimi dati macroeconomici, i tempi non sono maturi per un nuovo rialzo dei tassi d’interesse: la produzione ha registrato un’altra frenata, mentre l’inflazione continua a stagnare ed è ben lontana dal target fissato dalla banca centrale. 

L’indice Dow Jones lima lo 0,10% a 17.234 punti; sulla stessa linea l’indice S&P-500, che avvia la seduta a 2.015 punti (-l,03%). Senza direzione il Nasdaq 100 (-0,09%).

La sola Blue Chip del Dow Jones in sostanziale aumento è Caterpillar (+0,66%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Intel, che inizia le contrattazioni a -0,95%.

Dimessa Merck, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

Fiacca Johnson & Johnson, che mostra un piccolo decremento dello 0,71%.

Discesa modesta per Pfizer, che cede un piccolo -0,58%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street parte ingessata dopo i dati sull’inflazione