Wall Street parte bene sostenuta dal rally del greggio

(Teleborsa) – Wall Street parte con moderati guadagni, sollevata dall’andamento dei titoli petroliferi, che rispondono con buonumore alla fiammata del greggio: oggi la Russia e l’Arabia Saudita hanno trovato un accordo preliminare al vertice del 25 maggio per prolungare il taglio dell’offerta di nove mesi a marzo 2018. 

Questo ha cancellato anche le preoccupazioni alimentate da cyberattacco di vasta portata verificatosi prima del  weekend. 

Sul fronte macro, il dato dell’indice Empire state di New York è risultato sotto le attese, segnalando un peggioramento del manifatturiero della regione, mentre si attende fra poco anche un dato sul settore immobiliare: l’indice NAHB sui prezzi delle case.

A New York, l’indice Dow Jones sta mettendo a segno un progresso dello 0,27%; sulla stessa linea lo S&P-500 che guadagna lo 0,2% a 2.397,67 punti. Pressoché invariato il Nasdaq 100 (+0,13%). In buona evidenza nell’S&P 500 i comparti Energia (+1,22%) e Materie prime (+0,75%).

Al top tra i giganti di Wall Street, Cisco Systems (+2,06%), Johnson & Johnson (+1,48%), Chevron (+1,41%) e Caterpillar (+0,98%). Fra i più forti ribassi, invece, si segnalano General Electric, che cede lo 0,85%ed United Health che mostra una limatura dello 0,68%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Symantec (+3,63%), Nvidia (+2,46%), Expedia (+2,16%) e Cisco Systems (+2,06%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Tesla Motors, che prosegue le contrattazioni a -2,81%.

Si concentrano le vendite su Illumina, che soffre un calo dell’1,35%.

Vendite su Western Digital, che registra un ribasso dell’1,03%.

Dimessa Mattel, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

Wall Street parte bene sostenuta dal rally del greggio