Wall Street ostaggio delle trimestrali

(Teleborsa) – Prosegue in cauto rialzo la borsa di Wall Street, in attesa dell’avvio della stagione delle trimestrali, con l’attenzione degli investitori concentrata soprattutto sui risultati delle grandi banche, come JP Morgan e Citigroup che comunicheranno la trimestrale giovedì, 12 ottobre. 

Sul fronte economico, non sono usciti dati macro rilevanti. Intanto il Fondo Monetario Internazionale ha confermato le stime di crescita per gli Stati Uniti, (+2,2% in 2017 e +2,3% in 2018), mentre ha rivisto al rialzo le previsioni di espansione a livello globale. 

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones continua la seduta con un guadagno frazionale dello 0,21%, mentre, al contrario, rimane ai nastri di partenza lo S&P-500, che si posiziona a 2.548,01 punti, in prossimità dei livelli precedenti. Sui livelli della vigilia il Nasdaq 100 (-0,12%), come l’S&P 100 (0,2%).

Utilities (+0,90%), Beni di consumo primario (+0,79%) e Energia (+0,59%) in buona luce sul listino S&P 500.

Tra i protagonisti del Dow Jones, Wal-Mart (+4,78%), Du Pont de Nemours (+1,63%), Chevron (+1,18%) e Caterpillar (+1,07%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Procter & Gamble, che prosegue le contrattazioni a -1,16%. Spicca la prestazione negativa di United Health, che scende dell’1,13%. Intel scende dell’1,03%. Sottotono Cisco Systems che mostra una limatura dello 0,56%.

Tra i best performers del Nasdaq 100, American Airlines (+4,80%), Baidu (+3,20%), Jd.Com (+2,40%) e Vodafone (+2,02%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Symantec, che continua la seduta con -3,46%.
Calo deciso per Express Scripts, che segna un -1,82%.

Wall Street ostaggio delle trimestrali
Wall Street ostaggio delle trimestrali