Wall Street non si muove dalla parità aspettando Jackson Hole

(Teleborsa) – Wall Street resta ai nastri di partenza a metà giornata, continuando a muoversi allì’insegna della cautela a causa dlele rinnovate tensioni geopolitiche fra USA e Corea del Nord. e delle incertezze sul futuro della politica economica di Trump.

Occhi puntati anche all’intervento di Janet Yellen a Jackson Hole questa settimana, mentre il dollaro si indebolisce ancora  spingendo l’euro a 1,182 USD (+0,5%).

Agenda scarna di appuntamenti macro, fatta eccezione per l’indice Fed Chicago sull’attività nazionale. 

Alla Borsa di New York, l’indice Dow Jones resta fermo (+0,04%) assieme allo S&P-500 che continua la giornata a 2.425,55 punti. In frazionale calo il Nasdaq 100 (-0,21%).

Telecomunicazioni (+0,84%), Beni di consumo primario (+0,55%) e Sanitario (+0,41%) in buona luce sul listino S&P 500. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti Energia (-0,72%) e Finanziario (-0,41%).

Tra i protagonisti del Dow Jones si segnalano le buone performance di Home Depot (+1,47%), Verizon Communication (+1,01%), Cisco Systems (+0,97%) e Wal-Mart (+0,84%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Nike, che prosegue le contrattazioni con un -2,4%.

Calo deciso per Goldman Sachs, che segna un -1,06%.

Dimessa Chevron, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

Fiacca Microsoft, che mostra un piccolo decremento dello 0,69%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street non si muove dalla parità aspettando Jackson Hole