Wall Street nervosa, la fiducia dei consumatori non basta

Prosegue all’insegna della cautela la seduta per la borsa di Wall Street, dopo aver messo in atto una breve accelerazione al rialzo, grazie al dato sulla fiducia dei consumatori, salita ai massimi da gennaio di quest’anno. Prima dell’avvio del mercato, la Standard & Poor’s ha pubblicato il report sul mercato immobiliare, rilevando nel mese di luglio, una crescita ancora modesta.

Gli investitori guardano anche al dato sul mercato del lavoro, che sarà diffuso a fine settimana, mentre si interrogano sulle prossime della Federal Reserve. Ieri il presidente della Fed di New York, William Dudley, ha sostenuto che un rialzo dei tassi verrà probabilmente deciso quest’anno, forse anche al prossimo vertice di ottobre.

Sullo sfondo restano i timori per il rallentamento della crescita economica cinese.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones continua la sessione sui livelli della vigilia, e si ferma a 15.999 punti; sulla stessa linea, incolore l’indice S&P-500, che continua la seduta a 1.884 punti, sui livelli della vigilia. Sui livelli della vigilia il Nasdaq 100 (-0,02%), come l’S&P 100 (0,1%).

Si distingue nel paniere S&P 500 il settore Sanitario.

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, 3M (+1,65%), Johnson & Johnson (+1,52%), Visa (+1,38%) e McDonald’s (+1,31%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Apple, -1,89%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street nervosa, la fiducia dei consumatori non basta